Deep Space Network IT

ExoMars: la missione è stata rinviata al 2022

13 marzo 2020
L'Agenzia Spaziale Europea (ESA) e la Roscosmos Space Corporation hanno deciso di rimandare il lancio della seconda missione ExoMars per studiare il Pianeta Rosso al 2022.

Il team del progetto congiunto ESA-Roscosmos ha valutato tutte le attività necessarie per l'avvio di un'autorizzazione, al fine di analizzare i rischi e il programma. Con la dovuta considerazione delle raccomandazioni fornite dagli ispettori generali europei e russi, gli esperti di ExoMars hanno concluso che i test necessari per rendere tutti i componenti del veicolo spaziale idonei all'avventura su Marte richiedono più tempo per essere completati.
L'obiettivo primario della missione è determinare se ci sia mai stata vita su Marte e comprendere meglio la storia dell'acqua sul pianeta. Il rover ExoMars, di nome Rosalind Franklin, include un trapano per accedere alla superficie inferiore di Marte e un laboratorio di ricerca di vita miniaturizzato tenuto in una camera bianca.
Nell'ambito di un incontro dedicato, i capi dell'ESA e di Roscosmos Jan Wörner e Dmitry Rogozin hanno concordato che sono necessari ulteriori test con l'hardware e il software definitivi. Inoltre, le parti hanno dovuto riconoscere che la fase finale delle attività di ExoMars è compromessa dall'aggravamento generale della situazione epidemiologica nei paesi europei perciò si è presa la decisione difficile ma ponderata di rinviare il lancio al 2022. La scelta è guidata principalmente dalla necessità di massimizzare la solidità di tutti i sistemi ExoMars e dalle circostanze di forza maggiore legate all'esacerbazione della situazione epidemiologica in Europa che ha di fatto bloccato i viaggi dei tecnici verso le industrie partner. Ulteriori attività di verifica garantiranno un viaggio sicuro e i migliori risultati scientifici su Marte.
Ad oggi, tutto l'hardware di volo necessario per il lancio di ExoMars è stato integrato nel veicolo spaziale. La piattaforma di atterraggio di Kazachok è completamente equipaggiata con tredici strumenti scientifici e il rover Rosalind Franklin con i suoi nove strumenti ha recentemente superato i test termici e di vuoto finali in Francia.
Gli ultimi test di estrazione dinamica con paracadute ExoMars sono stati completati con successo presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA e i paracadute principali sono pronti per i due test finali di caduta ad alta quota a marzo in Oregon, negli Stati Uniti. Il modulo di discesa è stato sottoposto a una certificazione del sistema di propulsione nell'ultimo mese mentre sia il modulo stesso che la piattaforma di atterraggio di ExoMars sono stati sottoposti a test ambientali a Cannes, in Francia, per confermare che la navicella sia pronta a sopportare le dure condizioni dello spazio nel suo viaggio verso Marte.
Il nuovo programma prevede un lancio tra agosto e ottobre 2022, infatti la meccanica celeste definisce che esistono finestre di lancio relativamente brevi (di 10 giorni ciascuna) ogni due anni in cui Marte può essere raggiunto in pochi mesi dalla Terra.
ExoMars sarà la prima missione dedicata alla ricerca di segni di vita a profondità fino a due metri al di sotto della superficie marziana, dove le firme biologiche della vita possono essersi conservate in modo unico.

fonti: ESA, Roscosmos

Dello stesso argomento
  • ExoMars: trovate nuove tracce di gas nell'atmosfera marziana
    28 luglio 2020
    L'ExoMars Trace Gas Orbiter dell'ESA ha individuato nuove firme di gas su Marte. Questi dati ci svelano nuovi segreti sull'atmosfera marziana e consentiranno una determinazione più accurata dell'esistenza di metano, un gas associato all'attività biologica o geologica, sul pianeta.
  • ExoMars: aggiornamenti al rover e nuovi test del paracadute
    18 maggio 2020
    La seconda missione ExoMars dell'ESA, prevista per il lancio sul Pianeta Rosso nel 2022, sta sfruttando il nuovo tempo a disposizione per aggiornare alcuni degli strumenti del rover e prepararsi ai successivi test del paracadute ad alta quota.
  • Mars Express: scatti dalla superficie scolpita del Pianeta Rosso
    15 maggio 2020
    Incredibili immagini inviate da Marte mostrano come sul pianeta la natura sia un potente scultore che ritrae un paesaggio fortemente sfregiato e fratturato. Questo terreno è stato formato da forze intense e prolungate che hanno agito sulla superficie di Marte per centinaia di milioni di anni.
  • ExoMars: rilevato un bagliore verde nell'atmosfera di Marte
    16 giugno 2020
    Il Trace Gas orbiter ExoMars dell'ESA ha rilevato ossigeno verde brillante nell'atmosfera di Marte ed è la prima volta che questo tipo emissione viene visto su un pianeta diverso dalla Terra.
  • Curiosity: trovati indizi di antico ghiaccio marziano sepolto nelle rocce
    25 maggio 2020
    Studiando gli elementi chimici presenti oggi su Marte, inclusi carbonio e ossigeno, gli scienziati possono ricostruire la storia di un pianeta che una volta aveva le condizioni necessarie per sostenere la vita. Utilizzando il rover Curiosity della NASA, gli scienziati hanno trovato prove dell'esistenza di laghi di lunga durata e hanno anche scavato trovando composti organici e elementi chimici della vita.