Deep Space Network IT

Chandrayaan-2: fallito l'allunaggio

09 settembre 2019
Il tentativo di allunaggio del lander Vikram effettuato lo scorso 6 settembre è purtroppo fallito.

Il tentativo di allunaggio del lander Vikram effettuato lo scorso 6 settembre è purtroppo fallito. Il centro di controllo della missione a Bengaluru ha improvvisamente perso i contatti con il lander quando il veicolo si trovava nella fase in cui avrebbe dovuto cominciare una discesa verticale, per poi rallentare e posarsi al suolo in sicurezza.
La sonda Chandrayaan-2 lanciata dall'agenzia spaziale Indiana ISRO aveva l'obbiettivo di portare l'India a essere la quarta nazione a far atterrare con successo un veicolo sulla Luna, traguardo già mancato dal tentativo nei mesi precedenti della sonda Israeliana Beresheet. La sonda era entrata correttamente in orbita lunare il 20 agosto e aveva rilasciato il lander Vikram (contenente il rover Pragyan) il 2 settembre per la sua lenta discesa verso il suolo.
Durante la discesa si sono persi i contatti mentre il lander era a 2.1 km dalla superficie senza più riuscire a ripristinarli. L'orbiter è successivamente riuscito a scattare un immagine di quello che si pensa sia il lander e la ISRO intende proseguire i tentativi di contatto per le prossime due settimane.
La missione continuerà comunque per almeno un anno grazie all'orbiter Chandrayaan-2, i suoi strumenti raccoglieranno immagini ad alta risoluzione del suolo lunare in cerca di tracce di ghiaccio d'acqua.

fonti: ISRO

Dello stesso argomento
  • La Luna arrugginisce e gli scienziati stanno cercando di scoprire perchè
    08 settembre 2020
    Una ricerca condotta sui dati raccolti dalla sonda Chandrayaan-1 nel 2008 ha mostrato che, mentre sulla nostra Luna non c'è aria, vi è invece presenza di ematite, una forma di ruggine che normalmente richiede ossigeno e acqua per svilupparsi.
  • Rinviato il lancio di Chandrayaan-2
    16 luglio 2019
    A causa di un problema tecnico sul lanciatore è stato rinviata la partenza di Chandrayaan-2 verso la Luna la cui attuale finestra di lancio si è chiusa nella giornata di ieri.
  • LRO: la Luna contiene più metalli di quanto si pensasse
    03 luglio 2020
    Ciò che è iniziata come una caccia al ghiaccio in agguato nei crateri lunari polari si è trasformata in una scoperta inaspettata che potrebbe aiutare a far luce sulla formazione della Luna: un sottosuolo molto più ricco di metalli come ferro e titanio. E più apprendiamo sulla nostra vicina di casa, più potremo studiare la Luna come un luogo dinamico ricco di utili risorse che un giorno potrebbero essere di supporto alla presenza umana.
  • Cassini: la luna Titano si allontana da Saturno più velocemente di quanto si pensasse
    09 giugno 2020
    Una nuova analisi dei dati raccolti dalla sonda Cassini da parte di scienziati NASA e colleghi dell'ASI (Agenzia Spaziale Italiana) ha mostrato come Titano, la grande luna di Saturno, si stia allontanando dal pianeta molto più rapidamente del previsto. Questo risultato porta un nuovo importante pezzo del puzzle sul dibattito legato all'età del sistema di Saturno e su come si siano formati i suoi anelli e le sue lune.
  • DragonFly: cinque motivi per esplorare Titano
    26 febbraio 2020
    La NASA è al lavoro per realizzare il drone volante DragonFly che esplorerà la superficie di Titano. Scopriamo i motivi per i quali una missione sulla luna di Saturno è diventata uno degli obiettivi più allettanti per la ricerca spaziale.