Deep Space Network IT

Anche Plutone nasconde un oceano sotto la superficie

21 maggio 2019
Uno studio pubblicato sulla rivista "Nature Geoscience" dal gruppo delle Università giapponesi di Hokkaido, Kobe e Osaka e dell'Istituto di Tecnologia di Tokyo basato sui dati raccolti dalla sonda New Horizons durante il sorvolo del 2015 ha riportato la presenza dell’oceano sotto la parte occidentale del bacino a forma di cuore intorno all’equatore, che è stato chiamato Sputnik Planitia.

Uno studio pubblicato sulla rivista "Nature Geoscience" dal gruppo delle Università giapponesi di Hokkaido, Kobe e Osaka e dell'Istituto di Tecnologia di Tokyo basato sui dati raccolti dalla sonda New Horizons durante il sorvolo del 2015 ha riportato la presenza dell’oceano sotto la parte occidentale del bacino a forma di cuore intorno all’equatore, che è stato chiamato Sputnik Planitia.
In corrispondenza di questa zona la crosta ghiacciata di Plutone risulta più sottile e secondo i ricercatori l’oceano sarebbe avvolto e protetto da uno strato di idrati di metano che lo isolerebbe termicamente dalla sua superficie ghiacciata (di 225 gradi sotto zero).

fonti: NASA, APL Johns Hopkins

Dello stesso argomento
  • New Horizons: dopo 5 anni ecco cosa sappiamo di Plutone
    16 luglio 2020
    Il 14 Luglio del 2015 la sonda spaziale New Horizons sorvolava per la prima volta nella storia dell'umanità Plutone, l'ultimo "pianeta" del Sistema Solare che ancora non era stato visitato. A cinque anni di distanza ecco le 10 scoperte più importanti che sono state fatte su questo mondo così lontano.
  • Il telescopio SOFIA trova indizi nascosti nell'atmosfera di Plutone
    13 maggio 2020
    Quando la sonda spaziale New Horizons ha sorvolato Plutone nel 2015, una delle tante caratteristiche affascinanti che le sue immagini hanno rivelato è che questo lontano, piccolo e gelido mondo del Sistema solare possiede un'atmosfera nebbiosa. Grazie a nuovi dati raccolti dal telescopio SOFIA si è scoperto come la foschia di Plutone sia formata dalla debole luce del Sole a 3,7 miliardi di miglia di distanza mentre si muove attraverso un'orbita insolita.
  • New Horizons: condotto il primo esperimento di parallasse interstellare
    12 giugno 2020
    Per la prima volta un veicolo spaziale ha catturato le immagini del cielo da una distanza talmente lontana che alcune stelle appaiono in posizioni differenti rispetto a quelle che vediamo dalla Terra. Grazie a questo effetto di parallasse gli scienziati sono in grado di calcolare con maggior precisione la distanza dalle stelle.
  • New Horizons: importante scoperta sulla formazione planetaria
    18 febbraio 2020
    Utilizzando gli ultimi dati dettagliati ricevuti sulla forma, la geologia, il colore e la composizione di Arrokoth (noto anche come Ultima Thule) i ricercatori hanno apparentemente risposto a una storica domanda sulle origini planetarie compiendo un grande progresso nella comprensione di come si siano formati i pianeti.
  • Osservazioni di calibrazione per New Horizons
    25 settembre 2019
    Nella settimana tra il 29 agosto e il 5 settembre New Horizons ha sospeso le attività di trasmissione dei dati, iniziate dopo il sorvolo di Ultima Thule, per effettuare una serie di osservazioni durante la sua crociera attraverso la Fascia di Kuiper.