Deep Space Network IT

TESS scopre i primi esopianeti

07 gennaio 2019
Sono stati confermati tre esopianeti oltre il nostro Sistema Solare rilevati dal Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA nei suoi primi mesi di osservazioni.

Sono stati confermati tre esopianeti oltre il nostro Sistema Solare rilevati dal Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA nei suoi primi mesi di osservazioni. Le telecamere sensibili della missione hanno anche catturato oltre 100 cambiamenti di breve durata (la maggior parte dei quali sono probabilmente inerenti a esplosioni stellari) nella stessa regione del cielo.

fonti: NASA, MIT

Dello stesso argomento
  • TESS: scoperto un esopianeta dalle caratteristiche sinora uniche
    26 giugno 2020
    Per più di un decennio, gli astronomi hanno cercato pianeti in orbita attorno a AU Microscopii, una stella a noi vicina ancora circondata da un disco di detriti rimasto dalla sua formazione. Ora gli scienziati che utilizzano i dati del Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA e del ritirato Spitzer Space Telescope riportano la scoperta di un pianeta grande quanto Nettuno che orbita attorno alla giovane stella in poco più di una settimana.
  • TESS scopre il primo esopianeta in zona abitabile delle dimensioni della Terra
    08 gennaio 2020
    Nuovo giro di scoperte da parte di TESS, il telescopio spaziale della NASA ha trovato il primo pianeta delle dimensioni della Terra situato nella zona abitabile della sua stella.
  • TESS: osservato il primo possibile pianeta che abbraccia la cenere stellare
    17 settembre 2020
    Gli eventi violenti che portano alla morte di una stella spazzerebbero via tutti i pianeti circostanti. WD 1856 b, un potenziale pianeta delle dimensioni di Giove appena scoperto dai dati congiunti dei telescopi TESS e il ritirato Spitzer, orbita attorno alla sua debole nana bianca ogni 36 ore ed è circa sette volte più grande. Gli scienziati pensano che possa essere entrato in orbita molto tempo dopo la morte della stella.
  • WFIRST utilizzerà la deformazione dello spazio-tempo per scovare nuovi esopianeti
    03 aprile 2020
    Il WFIRST (Wide Field Infrared Survey Telescope) della NASA cercherà i pianeti al di fuori del nostro Sistema Solare nel centro della nostra galassia, la Via Lattea, dove si collocano la maggior parte delle stelle. A differenza dei predecessori che utilizzano la tecnica del transito, WFIRST li cercherà tramite l'effetto opposto: piccoli picchi di luminosità prodotti da un fenomeno di flessione della luce chiamato microlensing.
  • I pianeti gioviani possono fornire indizi sulla formazione dei loro mondi
    23 giugno 2020
    I pianeti e gli esopianeti delle dimensioni di Giove, in orbita vicino alle loro stelle, hanno sollevato diverse ipotesi su come si formino i giganti gassosi. Trovare giovani pianeti, membri di questa classe planetaria, potrebbe aiutare a far luce su come si sono formati i sistemi in cui sono situati.