Deep Space Network IT

La NASA approva due missioni eliofisiche per lo studio del Sole

04 gennaio 2021
La NASA ha approvato due missioni eliofisiche per esplorare il Sole e il sistema che guida la meteorologia spaziale vicino alla Terra. Il contributo contemporaneo delle missioni Epsilon e EZIE ci aiuteranno a comprendere il Sole e la Terra come un sistema interconnesso.

Comprendere la fisica che guida il vento solare e le esplosioni solari - compresi i brillamenti solari e le espulsioni di massa coronale - potrebbe un giorno aiutare gli scienziati a prevedere questi eventi che possono avere un impatto pensate sia sulla tecnologia umana che sugli esploratori nello spazio.

La Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) è a capo della missione Epsilon, un telescopio spettroscopico ad alto rendimento ultravioletto estremo (EUVST) (missione Solar-C EUVST), insieme ad altri partner internazionali. Destinata al lancio nel 2026, EUVST è un telescopio solare che studierà come l'atmosfera solare rilascia il vento solare e guida le eruzioni di materiale solare. Questi fenomeni si propagano dal Sole e influenzano l'ambiente di radiazione spaziale in tutto il Sistema Solare. I contributi hardware della NASA alla missione includono un rilevatore UV intensificato ed elettronica di supporto, componenti spettrografici, un telescopio guida, software e un sistema di imaging per fornire il contesto per la misurazione spettrografica. Il budget per i contributi della NASA a EUVST è di 55 milioni di dollari.

L'Electrojet Zeeman Imaging Explorer (EZIE) studierà invece le correnti elettriche nell'atmosfera terrestre che collegano l'aurora alla magnetosfera terrestre, una parte del complicato sistema meteorologico spaziale della Terra che risponde all'attività solare e ad altri fattori. L'indice Auroral Electrojet (AE) è una misura comune dei livelli di attività geomagnetica, anche se i dettagli della struttura di queste correnti non sono ancora stati compresi. EZIE verrà lanciato non prima di giugno 2024. Il budget totale per la missione EZIE è di 53,3 milioni di dollari.

"Siamo molto lieti di aggiungere queste nuove missioni alla crescente flotta di satelliti che stanno studiando il nostro sistema Sole-Terra utilizzando una straordinaria gamma di strumenti di osservazione senza precedenti", ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato per la scienza presso la sede della NASA a Washington. "Oltre al mio entusiasmo nel selezionare un osservatorio multiplo e pionieristico incentrato sugli elettrogetti aurorali, sono particolarmente entusiasta di seguire il successo delle missioni scientifiche solari Yohkoh e Hinode con un'altra collaborazione internazionale con JAXA e altri partner europei con EUVST."

La missione EUVST risponde alle raccomandazioni di un rapporto finale consegnato nel luglio 2017 e fornito dal team multi-agenzia Next Generation Solar Physics Mission Science Objectives Team. EUVST effettuerà misurazioni spettroscopiche UV complete dell'atmosfera solare al più alto livello di dettaglio mai svolto fino ad oggi, il che consentirà agli scienziati di scoprire come i diversi processi magnetici e il plasma possono guidare il riscaldamento coronale e il rilascio di energia.

"Siamo entusiasti di lavorare con i nostri partner internazionali per rispondere ad alcune delle nostre domande fondamentali sul Sole", ha affermato Nicky Fox, direttore della divisione Heliophysics presso la sede della NASA a Washington. "Le osservazioni di EUVST completeranno le nostre attuali missioni per darci una nuova visione della nostra stella".

EZIE è un'indagine che comprende un trio di CubeSat che studierà la fonte e i cambiamenti nell'elettrojet aurorale, una corrente elettrica che circola nell'atmosfera terrestre a circa 60-90 miglia sopra la superficie e si estende nella magnetosfera terrestre. L'interazione della magnetosfera e del vento solare comprime il lato della magnetosfera rivolto verso il Sole e trascina il lato notturno della magnetosfera in quella che viene chiamata "coda magnetica". Gli elettrogetti aurorali sono generati da cambiamenti nella struttura della coda magnetica. Gli stessi fenomeni meteorologici spaziali che alimentano la bellissima aurora possono causare interferenze con i segnali radio e di comunicazione e le reti di servizi sulla superficie terrestre e danni ai veicoli spaziali in orbita.

"Con queste nuove missioni, stiamo espandendo il modo in cui studiamo il Sole, lo spazio e la Terra come un sistema interconnesso", ha detto Peg Luce, vicedirettore della Divisione Heliophysics presso la sede della NASA a Washington. "L'uso di EZIE e della tecnologia strumentale provata nelle missioni CubeSat per le osservazioni della Terra è solo un esempio di come la scienza e lo sviluppo tecnologico alla NASA vadano di pari passo attraverso queste discipline."

Il finanziamento per queste Mission Of Opportunities proviene dal programma Heliophysics Explorers, gestito dall'Explorers Program Office presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.

fonti: NASA, JAXA

Dello stesso argomento
  • Juno: svelate le origini delle grandi aurore di Giove
    17 marzo 2021
    I nuovi risultati dello spettrografo ultravioletto della sonda Juno hanno rivelato per la prima volta la nascita delle spettacolari aurore di Giove. Queste immense e transitorie esposizioni di luce si verificano su entrambi i poli gioviani ed erano state precedentemente osservate solo da osservatori terrestri o in orbita attorno alla Terra, in particolare dal telescopio spaziale Hubble della NASA.
  • NASA: proposte cinque missioni per lo studio dell'ambiente spaziale
    01 settembre 2020
    La NASA ha selezionato cinque proposte per studi concettuali di missioni che aiuteranno a migliorare la comprensione delle dinamiche del Sole e dell'ambiente spaziale in costante cambiamento con cui interagisce intorno alla Terra. Le informazioni miglioreranno la comprensione dell'universo e offriranno informazioni fondamentali ad aiutare a proteggere astronauti, satelliti e segnali di comunicazione nello spazio.
  • Rosetta: la cometa 67P ha la sua aurora boreale
    22 settembre 2020
    La missione Rosetta dell'ESA ha scoperto un tipo unico di aurora, un fenomeno emozionante osservato solo sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko in tutto il Sistema Solare.
  • MAVEN: mappate le correnti elettriche intorno al pianeta
    28 maggio 2020
    Cinque anni dopo l' entrata in orbita attorno a Marte del veicolo spaziale MAVEN della NASA, i dati della missione hanno portato alla creazione di una mappa dei sistemi di corrente elettrica nell'atmosfera marziana. Queste correnti svolgono un ruolo fondamentale nella perdita atmosferica che ha trasformato Marte da un mondo che avrebbe potuto sostenere la vita a un deserto inospitale.
  • ExoMars: rilevato un bagliore verde nell'atmosfera di Marte
    16 giugno 2020
    Il Trace Gas orbiter ExoMars dell'ESA ha rilevato ossigeno verde brillante nell'atmosfera di Marte ed è la prima volta che questo tipo emissione viene visto su un pianeta diverso dalla Terra.