Deep Space Network IT

OSIRIS-REx: stivato con successo il campione raccolto durante il touchdown

30 ottobre 2020
La missione OSIRIS-REx della NASA ha stivato con successo la Sample Return Capsule (SRC) del veicolo spaziale e la sua abbondante raccolta di campioni dell'asteroide Bennu. Mercoledì 28 ottobre il team della missione ha inviato i comandi alla navicella per la chiusura della capsula, segnando la fine di una delle fasi più impegnative della missione.

L'immagine a sinistra mostra la testa del raccoglitore OSIRIS-REx in bilico sulla capsula di ritorno del campione (SRC) dopo che il braccio del meccanismo di acquisizione del campione Touch-and-Go l'ha spostata nella posizione corretta per la cattura. L'immagine a destra mostra la testa del collettore fissata sull'anello di cattura nell'SRC. Entrambe le immagini sono state scattate dalla fotocamera StowCam.

"Questo risultato di OSIRIS-REx per conto della NASA e del mondo ha innalzato la nostra visione verso gli obiettivi più elevati che possiamo raggiungere insieme, come squadre e nazioni", ha detto l'amministratore della NASA Jim Bridenstine. "Tutti insieme, in un team che comprende l'industria, il mondo accademico e i partner internazionali, e un gruppo talentuoso e diversificato di dipendenti della NASA con svariate tipologie di competenza, ci ha messo sulla buona strada per aumentare notevolmente la nostra raccolta sulla Terra di campioni dallo spazio. Campioni come questo trasformeranno ciò che sappiamo del nostro universo e di noi stessi, che è alla base di tutti gli sforzi della NASA".

Il team della missione ha trascorso due giorni lavorando 24 ore su 24 per eseguire la procedura, con i preparativi per la fase di stivaggio che sono iniziati il 24 ottobre. Il processo per stivare il campione è unico rispetto ad altre operazioni svolte su differenti veicoli spaziali e ha richiesto la supervisione e l'input continui del team per un periodo di due giorni. Affinché il veicolo spaziale procedesse con ogni fase della sequenza di stivaggio, il team ha dovuto valutare le immagini e la telemetria del passaggio precedente per confermare che l'operazione era riuscita e il veicolo spaziale era pronto per continuare. Dato che OSIRIS-REx si trova attualmente a più di 330 milioni di km dalla Terra, ciò ha richiesto al team di lavorare con un ritardo superiore a 18,5 minuti per i segnali che viaggiavano in ciascuna direzione.
Durante tutto il processo, il team OSIRIS-REx ha valutato continuamente l'allineamento del polso del meccanismo di acquisizione dei campioni Touch-and-Go (TAGSAM) per garantire che la testa del collettore fosse posizionata correttamente nell'SRC. Inoltre, il team ha ispezionato le immagini per verificare la fuoriuscita di qualsiasi materiale dalla testa del collettore per confermare che nessuna particella avrebbe potuto ostacolare le operazioni. Le immagini StowCam della sequenza di stivaggio mostrano che alcune particelle sono sfuggite durante la procedura di stivaggio, ma il team è sicuro che una quantità abbondante di materiale sia rimasta all'interno della testa.

"Data la complessità del processo per posizionare la testa del raccoglitore di campioni sull'anello di cattura ci aspettavamo che sarebbero stati necessari alcuni tentativi per portarlo nella posizione ottimale", ha affermato Rich Burns, project manager di OSIRIS-REx al Goddard Space Flight della NASA Centro a Greenbelt. "Fortunatamente, la testa è stata posizionata al primo tentativo, il che ci ha permesso di eseguire rapidamente la procedura di stivaggio."

La sera del 27 ottobre, il braccio TAGSAM della navicella ha posizionato la testa del collettore nell'SRC. La mattina seguente, il team di OSIRIS-REx ha verificato che la testa del collettore fosse completamente fissata alla capsula eseguendo un "controllo di backout". Questa sequenza ha comandato al braccio TAGSAM di tentare di uscire dalla capsula, che ha "tirato" la testa del raccoglitore assicurandosi che i fermi fossero ben fissati.

"Voglio ringraziare il team OSIRIS-REx dell'Università dell'Arizona, del NASA Goddard, della Lockheed Martin e i loro partner, e anche in particolare il personale SCaN e Deep Space Network della NASA e del JPL, che hanno lavorato instancabilmente per fornirci la connessione necessario per raggiungere questo traguardo, presto e mentre ancora a centinaia di milioni di miglia di distanza", ha detto Thomas Zurbuchen, amministratore associato della NASA per la scienza presso la sede dell'agenzia a Washington. "Quello che abbiamo fatto è una vera novità per la NASA e trarremo vantaggio per decenni da ciò che siamo stati in grado di ottenere a Bennu".

Nel pomeriggio del 28 ottobre, a seguito del backout check, il team della missione ha inviato i comandi per scollegare le due parti meccaniche del braccio TAGSAM che collegano la testa del campionatore al braccio. Il veicolo spaziale ha prima tagliato il tubo che trasportava il gas azoto che ha sollevato la superficie attraverso la testa del TAGSAM durante la raccolta del campione, quindi ha separato la testa del collettore dal braccio del TAGSAM stesso.
La sera, il veicolo spaziale ha completato la fase finale del processo di stivaggio del campione: la chiusura dell'SRC. Per fissare la capsula, la navicella ha chiuso il coperchio e poi ha fissato due fermi interni. Alla partire dalla tarda sera del 28 ottobre il campione di Bennu è conservato in modo sicuro e pronto per il suo viaggio sulla Terra.

"Sono molto grato che il nostro team abbia lavorato così duramente per riuscire a riporre questo campione così rapidamente", ha detto Dante Lauretta, investigatore principale di OSIRIS-REx presso l'Università dell'Arizona. "Ora possiamo restare in attesa di ricevere il campione qui sulla Terra e di aprire quella capsula."

Il processo di stivaggio, originariamente programmato per l'inizio di novembre, è stato accelerato dopo la raccolta dei campioni quando il team della missione ha ricevuto immagini che mostravano che la testa di raccolta della navicella era traboccante di materiale. Le immagini indicavano che il veicolo spaziale aveva raccolto ben oltre 60 grammi di materiale di superficie di Bennu e che alcune di queste particelle sembravano sfuggire lentamente dalla testa. Un lembo di mylar progettato per mantenere il campione all'interno della testa sembrava essere stato aperto da alcune rocce più grandi. Ora che la testa è al sicuro all'interno dell'SRC, i pezzi del campione non andranno più persi.

Il team di OSIRIS-REx si concentrerà ora sulla preparazione del veicolo spaziale per la prossima fase della missione: il viaggio di ritorno verso la Terra. La finestra di partenza si aprirà a marzo 2021 e OSIRIS-REx inizierà il suo viaggio verso casa con l'obbiettivo di consegnare l'SRC sulla Terra il 24 settembre 2023.

fonti: NASA Goddard Space Center

Dello stesso argomento
  • OSIRIS-REx: 10 cose da sapere sull'asteroide Bennu
    19 ottobre 2020
    La prima missione della NASA con ritorno di campioni da un antico asteroide è arrivata al suo obiettivo, l'asteroide Bennu, il 3 dicembre 2018. La missione OSIRIS-REx è stato un viaggio lungo sette anni che si concluderà con la consegna sulla Terra di materiale, dai 60 grammi fin a 2Kg di campioni raccolti, e promette di essere la più grande quantità di materiale extraterrestre riportato dallo spazio sin dall'era Apollo. Il 26° anniversario della scoperta dell'asteroide è caduto nel settembre 2019 e da allora gli scienziati hanno raccolto numerosi dati. Ecco cosa sappiamo (e parte di ciò che speriamo di scoprire) su questo residuo incontaminato dei primi giorni del nostro Sistema Solare.
  • OSIRIS-REx: la raccolta campioni è stata completata con successo!
    21 ottobre 2020
    Nella tarda serata di ieri (alle 23:56 ora italiana) la sonda OSIRIS-REx ha terminato con successo la manovra denominata TAG (Touch And Go) per la raccolta di campioni di terreno dell'asteroide Bennu che saranno prossimamente riportati sulla Terra per essere studiati nei laboratori.
  • OSIRIS-REx si prepara al test di "Matchpoint"
    07 agosto 2020
    Il primo veicolo spaziale di campionamento di asteroidi della NASA sta effettuando gli ultimi preparativi per prelevare un campione dalla superficie dell'asteroide Bennu. La prossima settimana la missione OSIRIS-REx effettuerà una seconda prova della sua sequenza di touchdown, denominata "Matchpoint", esercitando le attività di raccolta dei campioni un'ultima volta prima di toccare la superficie Bennu nel prossimo autunno.
  • OSIRIS-REx: perché l'asteroide Bennu espelle particelle nello spazio?
    10 settembre 2020
    L'asteroide Bennu, attualmente allo studio della sonda OSIRIS-REx della NASA, mostra una sorprendente attività sulla sua superficie e gli scienziati stanno iniziando a capire da cosa potrebbe essere causata.
  • OSIRIS-REx: l'asteroide Bennu riceve le prime denominazioni ufficiali
    07 marzo 2020
    L'Unione Astronomica Internazionale (IAU) ha approvato i nomi delle caratteristiche proposti dai membri del team OSIRIS-REx della NASA che hanno mappato l'asteroide Bennu nel corso dell'ultimo anno. Il veicolo spaziale OSIRIS-REx, la prima missione con ritorno di campioni di un asteroide della NASA, sta attualmente studiando la morfologia di Bennu in previsione delle operazioni di raccolta nella prossima estate.