Deep Space Network IT

MMX: la sonda sarà la prima ad avere delle fotocamere in 8K

11 settembre 2020
La Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) e la Japan Broadcasting Corporation (NHK) hanno deciso di sviluppare congiuntamente una "Super Hi-Vision Camera" in grado di filmare immagini 4K e 8K nello spazio per la missione Martian Moons eXploration (MMX) della JAXA.

Potrebbe essere la prima volta nella storia che saranno scattate immagini ad altissima definizione 8K in prossimità di Marte e delle sue lune. Combinando i dati di volo effettivi della navicella MMX e le immagini scattate dalla Super Hi-Vision Camera, verrà ricreata l'esplorazione della navicella MMX attorno a Marte e alle sue lune (Phobos e Deimos), a 300 milioni di chilometri dalla Terra.

JAXA sta attualmente sviluppando la sonda MMX da lanciare nel 2024, con l'obiettivo di chiarire l'origine delle lune di Marte e il processo evolutivo del sistema marziano. MMX è inoltre una missione che prevede il ritorno di campioni di alto profilo internazionale che mira a condurre osservazioni scientifiche delle lune marziane, Phobos e Deimos e di Marte, nonché atterrare su Phobos per raccogliere "sabbia" dalla sua superficie per poi riportarla sulla Terra.

NHK sta sviluppando la Super Hi-Vision Camera per seguire la missione di MMX con immagini ad altissima definizione e trasmetterle con la collaborazione della JAXA. Le immagini, scattate a intervalli regolari, verranno parzialmente trasmesse alla Terra per creare un'immagine uniforme. I dati dell'immagine originale dovrebbero essere archiviati in un dispositivo di registrazione nella capsula di ritorno di MMX e riportati in seguito sulla Terra.

Nel corso degli anni, JAXA e NHK hanno continuato ad accettare la sfida di fornire immagini delle missioni spaziali sin dalla trasmissione in diretta dallo space shuttle avvenuta nel 1992, seguita da riprese in alta definizione dall'orbiter lunare Kaguya, le riprese in 4K dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e la vista dell'operazione di atterraggio della sonda sull'asteroide Ryugu da parte di Hayabusa2. Questa volta JAXA e NHK mirano a scattare le prime immagini 8K mai realizzate di Marte e delle sue lune utilizzando l'esperienza accumulata attraverso la collaborazione passata. Inoltre, JAXA e NHK intendono seguire il comportamento effettivo del veicolo spaziale con la Super Hi-Vision Camera, fornendo un alto livello di realtà combinando immagini 4K/8K e i dati di volo di MMX. Informazioni che potranno essere utilizzate anche per il funzionamento del veicolo spaziale stesso.
Filmando la missione di MMX nel sistema marziano, a 300 milioni di chilometri dalla Terra, con la fotocamera Super Hi-Vision di nuova concezione, JAXA e NHK lavoreranno insieme per trasmettere il fascino di nuovi orizzonti, che non sono mai stati visti prima in dettaglio, in modo vivido e stimolante.

La missione MMX è attualmente in fase di sviluppo con il lancio previsto per Settembre 2024, l'arrivo su Marte nel 2025 in cui svolgerà 3 anni di missione per poi ritornare i campioni raccolti sulla Terra nel 2029.

fonti: JAXA

Dello stesso argomento
  • JAXA: la Martian Moons eXplorations entra nella fase di sviluppo
    24 febbraio 2020
    L'agenzia spaziale giapponese ha approvato la fase di sviluppo di una missione per recuperare un campione dalla luna marziana Phobos con ritorno sulla Terra il cui lancio è previsto nel 2024.
  • Odyssey: nuove immagini della luna Phobos
    10 giugno 2020
    Scattate con la telecamera a infrarossi dall'orbita della sonda Odissey della NASA, le immagini rivelano variazioni di temperatura a bordo della piccola luna mentre si sposta nell'ombra di Marte.
  • InSight: la talpa ha ripreso a scavare aiutata dal braccio del lander
    09 luglio 2020
    Il lander InSight della NASA ha utilizzato il braccio robotico per aiutare la sonda di calore nota come "talpa" a scavare su Marte. La missione sta dando il primo sguardo al profondo interno del Pianeta Rosso per rivelare dettagli sulla formazione di Marte e, in definitiva, tutti i pianeti rocciosi, compresa la Terra. Ora che il braccio robotico del lander ha aiutato la talpa a rimanere sottoterra, riprenderà le attività scientifiche che sono state sospese.
  • InSight: nuovi tentativi per sbloccare la "talpa"
    07 ottobre 2019
    Mentre la sonda InSight prosegue le analisi scientifiche con il carico di strumentazione a bordo, gli ingegneri sono ancora al lavoro per risolvere il problema occorso al sensore HP3.
  • MRO individua un nuovo cratere da impatto
    19 giugno 2019
    Lo scorso aprile il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) ha individuato un nuovo cratere da impatto formatosi probabilmente tra settembre 2016 e febbraio 2019.