Deep Space Network IT

Hayabusa 2 ha "bombardato" l'asteroide Ryugu

06 aprile 2019
La sonda giapponese ha portato a termine l'operazione denominata SCI (Small Carry-On Impactor) per la formazione di un cratere da impatto artificiale sull'asteroide Ryugu.

La sonda giapponese ha portato a termine l'operazione denominata SCI (Small Carry-On Impactor) per la formazione di un cratere da impatto artificiale sull'asteroide Ryugu. La sonda ha liberato un piccolo robot munito di telecamera per registrare sia l'impatto sia l'esplosione, quindi ha lasciato cadere la carica esplosiva. Per non rischiare di essere colpita dai detriti, prima che avvenisse la detonazione la sonda si è allontanata fino a raggiungere una posizione sicura dall'altro lato dell'asteroide.

fonti: JAXA

Dello stesso argomento
  • Hayabusa 2: iniziato il viaggio di rientro sulla Terra
    13 novembre 2019
    Alle 10:05 (2:05 in Italia) è iniziato il viaggio di rientro della sonda Hayabusa 2 che giungerà sulla Terra nel Dicembre del 2020 nei pressi del poligono militare di Woomera, in Australia, con il prezioso carico di campioni raccolti sulla superficie dell'asteroide Ryugu.
  • Mars Express riprende le dune più scure di Marte
    08 marzo 2020
    Conosciuta per le sue ampie distese di dune increspate, strutturate e leggermente inclinate, la regione di Marte denominata Terra Sabaea ospita molte affascinanti caratteristiche geologiche tra cui l'importante cratere Moreux, catturato da alcune nuove riprese del Mars Express dell'ESA.
  • JAXA: la Martian Moons eXplorations entra nella fase di sviluppo
    24 febbraio 2020
    L'agenzia spaziale giapponese ha approvato la fase di sviluppo di una missione per recuperare un campione dalla luna marziana Phobos con ritorno sulla Terra il cui lancio è previsto nel 2024.
  • Curiosity: trovati indizi di antico ghiaccio marziano sepolto nelle rocce
    25 maggio 2020
    Studiando gli elementi chimici presenti oggi su Marte, inclusi carbonio e ossigeno, gli scienziati possono ricostruire la storia di un pianeta che una volta aveva le condizioni necessarie per sostenere la vita. Utilizzando il rover Curiosity della NASA, gli scienziati hanno trovato prove dell'esistenza di laghi di lunga durata e hanno anche scavato trovando composti organici e elementi chimici della vita.
  • ExoMars: le foto della primavera nei crateri marziani
    05 agosto 2020
    Una nuova serie di immagini catturate questa primavera dalla sonda ExoMars dell'ESA in collaborazione con la ROSCOSMOS, mostrano una serie di interessanti caratteristiche geologiche sulla superficie di Marte osservate proprio mentre il pianeta superava l'equinozio di primavera.