Deep Space Network IT

JWST: lancio posticipato a Ottobre 2021

22 luglio 2020
Il lancio del NASA / ESA / CSA James Webb Space Telescope su un razzo Ariane 5 dallo spazioporto europeo nella Guiana francese è ora previsto per il 31 ottobre 2021.

La NASA ha annunciato la decisione del rinvio sulla base di un programma di valutazione del rischio recentemente completato delle rimanenti attività di integrazione e test prima del lancio, tenendo conto degli impatti della pandemia e delle sfide tecniche legate al COVID-19. In precedenza, il JWST doveva essere lanciato nel marzo 2021.
I test dell'osservatorio continuano ad andare bene al Northrop Grumman, il principale partner industriale della missione a Redondo Beach, in California, nonostante le sfide della situazione del coronavirus. I fattori per la nuova data di lancio comprendono gli impatti di maggiori precauzioni di sicurezza, riduzione del personale in loco, interruzione del lavoro a turni e le numerose sfide tecniche. Quest'anno verrà completato un set finale di complessi test ambientali dell'intero osservatorio seguito da uno schieramento finale del telescopio e del parasole.

"Webb è uno sforzo senza precedenti nella scienza dello spazio che richiede la massima ingegnosità in entrambi i settori scientifico e tecnico, in una partnership internazionale molto forte", ha affermato il prof. Günther Hasinger, direttore scientifico dell'ESA. "La scienza rivoluzionaria abilitata da Webb rivoluzionerà la nostra comprensione dell'Universo."
L'osservatorio rileverà la luce della prima generazione di stelle e galassie che si sono formate nell'universo primordiale e studierà le atmosfere di esopianeti abitabili.

Nell'ambito della collaborazione con la NASA, l'Europa sta contribuendo all'osservatorio JWST con due strumenti scientifici di primaria importanza - lo spettrografo NIRSpec e lo strumento a infrarossi medi MIRI - e il suo lanciatore, utilizzando il razzo Ariane 5. Inoltre, vi è un contingente di scienziati e ingegneri dell'ESA che sostengono lo sviluppo dell'osservatorio e le operazioni scientifiche.
L'anno prossimo il JWST sarà piegato nella sua configurazione di decollo per la spedizione al sito di lancio e montato all'interno della carenatura del lanciatore Ariane 5 (di circa 5 m di larghezza). Nel suo viaggio nello spazio il JWST sarà il primo veicolo a completare una serie complessa e tecnicamente impegnativa di schieramenti - una parte critica del suo viaggio verso la sua orbita a circa un milione e mezzo di chilometri dalla Terra. JWST aprirà il suo delicato parasole a cinque strati fino a raggiungere le dimensioni di un campo da tennis. Posizionerà quindi il suo specchio primario da 6,5 m che rileverà la debole luce di stelle e galassie distanti.

Il JWST sarà il prossimo grande osservatorio di scienze spaziali e si baserà sul successo di un'altra impresa internazionale, il telescopio spaziale Hubble, per risolvere i misteri del nostro Sistema solare, esplorare mondi lontani attorno ad altre stelle e scoprire le origini del nostro universo.
Il James Webb Space Telescope è un progetto internazionale guidato dalla NASA con i suoi partner, l'ESA e l'Agenzia Spaziale Canadese.

fonti: ESA, NASA

Dello stesso argomento
  • JWST: il nuovo telescopio studierà Giove, i suoi anelli e due lune molto interessanti
    03 agosto 2020
    Un nuovo programma di osservazioni scientifiche legato al prossimo telescopio spaziale James Webb denominato "ERS Program 1373" si occuperà di svolgere osservazioni del sistema di Giove, dei suoi anelli e delle sue lune più importanti: Io e Ganimede.
  • JWST: completati con successo i test ambientali
    08 ottobre 2020
    Con il completamento della sua ultima serie di test fondamentali, il James Webb Space Telescope della NASA è ora pronto a sopportare le rigide condizioni associate al lancio di un razzo nello spazio.
  • Terminato il test dei sistemi del James Webb Telescope
    15 luglio 2020
    Ora che il James Webb Space Telescope della NASA è stato assemblato nella sua forma definitiva, i team che si occupano dei test hanno colto l'opportunità di eseguire un'accurata analisi sia della parte elettrica che del software sull'intero osservatorio, come un unico veicolo completamente connesso.
  • JWST: alla ricerca dei sistemi solari in formazione
    17 dicembre 2020
    I sistemi solari in formazione, noti come dischi protoplanetari, si trovano in una grande varietà di forme e dimensioni e alcuni ci mostrano che corpi come i pianeti in formazione possono trovare il sentiero spianato mentre orbitano attorno alle stelle centrali. Un team di ricerca esaminerà più di 50 di questi obbiettivi utilizzando il nuovo telescopio spaziale James Webb della NASA. Le grandi capacità dell'osservatorio nella luce infrarossa e i suoi dati ad alta risoluzione consentiranno loro di modellare in modo preciso quali elementi e molecole sono presenti in questi sistemi, aumentando la nostra comprensione della composizione dei dischi che formano i pianeti.
  • Hubble: osservato uno strano esopianeta con un'orbita lontana
    11 dicembre 2020
    Il telescopio spaziale Hubble ha osservato un pianeta su un'orbita molto strana che ruota attorno a una stella doppia a 336 anni luce di distanza da noi. Questo strano oggetto può offrire alcuni indizi su un mistero insoluto molto più vicino a casa nostra: l'ipotetico corpo del nostro Sistema Solare soprannominato "Pianeta Nove".