Deep Space Network IT

Terminato il test dei sistemi del James Webb Telescope

15 luglio 2020
Ora che il James Webb Space Telescope della NASA è stato assemblato nella sua forma definitiva, i team che si occupano dei test hanno colto l'opportunità di eseguire un'accurata analisi sia della parte elettrica che del software sull'intero osservatorio, come un unico veicolo completamente connesso.

Conosciuta come Complete System Test (CST) è la prima valutazione completa dei sistemi che sia mai stata eseguita sull'osservatorio JWST completamente assemblato e una delle prime attività finali che il team deve svolgere. Simili valutazioni delle performance sono state completate diverse volte nella storia dell'assemblaggio del JWST, utilizzando simulazioni e surrogati per dedurre i dati sulle parti del veicolo spaziale che non erano ancora state assemblate. Ora che il JWST è completo non sono più necessarie simulazioni e simulatori e gli ingegneri possono valutare con sicurezza sia il suo software che le prestazioni elettroniche.

Il test è il modo migliore per garantire il successo della missione

Il James Webb Space Telescope è il più grande e tecnicamente complesso telescopio per la scienza dello spazio che la NASA abbia mai costruito. Comprende molti componenti che devono comunicare e funzionare all'unisono per raggiungere il successo della missione. Questo tipo di valutazione dei sistemi assicura che ciò avvenga verificando e convalidando che ciascuno dei componenti stia comunicando ed eseguendo le istruzioni come previsto.
L'importanza dei test non può essere sopravvalutata nello sviluppo del software. Le singole unità di codice devono essere testate man mano che vengono scritte, quindi testate nuovamente quando vengono combinate in componenti software sempre più grandi. I test devono essere rieseguiti ogni volta che viene corretto un bug o viene aggiunta una funzione per verificare che il codice modificato non propaghi comportamenti imprevisti e indesiderati nel sistema. Per completare il test, il personale è stato impiegato 24 ore al giorno, per 15 giorni consecutivi, e sono stati eseguiti circa 1.070 script o sequenze di istruzioni e lanciate quasi 1.370 fasi procedurali.

L'ultima serie di test del JWST determinerà se è pronto per il lancio. Questo primo CST appena completato stabilisce una linea di base delle prestazioni elettriche funzionali. Tra pochi mesi, dopo che l'osservatorio avrà completato la sua prossima e ultima serie di test acustici e di vibrazione che simulano gli stress subiti durante il lancio, il team eseguirà un'altra scansione dell'intero sistema. Gli ingegneri confronteranno quindi i risultati "prima e dopo", che dovrebbero essere gli stessi, indicando che il veicolo spaziale funziona come previsto come un osservatorio completo e resiste allo stress del lancio così da funzionare come progettato una volta nello spazio.
"Non ho mai visto un tale sforzo, collaborazione e sforzi inter-organizzativi per riunire così tanti team e persone in così tante aree diverse per realizzare un obiettivo comune con così tanto successo", ha affermato Randy Pollema, responsabile dell'integrazione elettrica e dei test per il JWST a Northrop Grumman a Redondo Beach, in California. "Siamo molto orgogliosi e proviamo molta soddisfazione personale in ciò che siamo stati in grado di realizzare nell'ultimo anno nell'assemblare il JWST nella sua forma finale. E con il completamento di quest'ultima valutazione dei sistemi possiamo andare avanti con fiducia sapendo che l'assemblaggio è stato un successo."

La nuova situazione in evoluzione del COVID-19 sta causando un impatto significativo e un'interruzione a livello globale. In seguito all'aumento delle procedure di sicurezza personale implementate a marzo a causa di COVID-19, il team Northrop Grumman di James Webb Space Telescope in California ha continuato a integrare e testare i lavori in camera bianca con personale e turni notevolmente ridotti. A partire dalla fine di maggio, il team ha ripreso le operazioni in camera bianca quasi a turno. Il team sta ora valutando gli impatti sulla data di lancio prevista per marzo 2021 e i nuovi rischi che possono presentarsi e stabilirà una eventuale nuova data di disponibilità al lancio a luglio.
Il telescopio spaziale James Webb sarà il principale osservatorio mondiale di scienze spaziali e risolverà misteri nel nostro Sistema Solare, osserverà i mondi lontani attorno ad altre stelle e sonderà le misteriose strutture e le origini del nostro universo e il nostro posto in esso. Il JWST è un programma internazionale guidato dalla NASA con i suoi partner, l'ESA (Agenzia spaziale europea) e l'Agenzia spaziale canadese.

fonti: NASA

Dello stesso argomento
  • JWST: il nuovo telescopio studierà Giove, i suoi anelli e due lune molto interessanti
    03 agosto 2020
    Un nuovo programma di osservazioni scientifiche legato al prossimo telescopio spaziale James Webb denominato "ERS Program 1373" si occuperà di svolgere osservazioni del sistema di Giove, dei suoi anelli e delle sue lune più importanti: Io e Ganimede.
  • JWST: lancio posticipato a Ottobre 2021
    22 luglio 2020
    Il lancio del NASA / ESA / CSA James Webb Space Telescope su un razzo Ariane 5 dallo spazioporto europeo nella Guiana francese è ora previsto per il 31 ottobre 2021.
  • Rilevata la materia oscura in piccoli agglomerati
    14 gennaio 2020
    Usando il telescopio spaziale Hubble della NASA e una nuova tecnica di osservazione, gli astronomi hanno scoperto che la materia oscura forma grumi molto più piccoli di quelli precedentemente noti.
  • WFIRST utilizzerà la deformazione dello spazio-tempo per scovare nuovi esopianeti
    03 aprile 2020
    Il WFIRST (Wide Field Infrared Survey Telescope) della NASA cercherà i pianeti al di fuori del nostro Sistema Solare nel centro della nostra galassia, la Via Lattea, dove si collocano la maggior parte delle stelle. A differenza dei predecessori che utilizzano la tecnica del transito, WFIRST li cercherà tramite l'effetto opposto: piccoli picchi di luminosità prodotti da un fenomeno di flessione della luce chiamato microlensing.
  • TESS: osservato il primo possibile pianeta che abbraccia la cenere stellare
    17 settembre 2020
    Gli eventi violenti che portano alla morte di una stella spazzerebbero via tutti i pianeti circostanti. WD 1856 b, un potenziale pianeta delle dimensioni di Giove appena scoperto dai dati congiunti dei telescopi TESS e il ritirato Spitzer, orbita attorno alla sua debole nana bianca ogni 36 ore ed è circa sette volte più grande. Gli scienziati pensano che possa essere entrato in orbita molto tempo dopo la morte della stella.