Deep Space Network IT

Parker Solard Probe: uno sguardo alla cometa NEOWISE

13 luglio 2020
La sonda Parker Solar Probe della NASA si è trovata nel posto giusto e al momento giusto per catturare un'immagine unica della cometa NEOWISE il 5 luglio 2020. La posizione della sonda nello spazio ha consentito uno scatto senza eguali delle code gemelle della cometa, quando era particolarmente attiva, dopo il suo punto di passaggio più vicino al Sole.

La cometa è stata scoperta dal NASA Near-Earth Object Wide-field Infrared Survey Explorer, o NEOWISE, il 27 marzo. Da allora la cometa, chiamata cometa C2020F3 NEOWISE e soprannominata NEOWISE, è stata avvistata da diversi veicoli spaziali della NASA, tra cui il Parker Solar Probe, l'Osservatorio sulle relazioni solari e terrestri della NASA, l'Osservatorio solare ed eliosferico dell'ESA/NASA e dagli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.
L'immagine di copertina rappresenta un dato non elaborato dallo strumento WISPR della sonda solare Parker, che cattura le immagini dell'atmosfera esterna del Sole e del vento solare alla luce visibile. La sensibilità di WISPR lo rende anche adatto a vedere i dettagli più precisi in strutture come le code delle comete. Il Parker Solar Probe ha raccolto dati scientifici fino al 28 giugno per il suo quinto sorvolo del Sole, ma la disponibilità di un ulteriore tempo di downlink ha permesso al team di acquisire immagini extra, inclusa questa immagine della cometa NEOWISE:



Le code gemelle della cometa NEOWISE sono visibili molto più chiaramente in questa immagine dello strumento WISPR, che è stato elaborato per aumentare il contrasto e rimuovere l'eccesso di luminosità dalla luce solare diffusa, rivelando maggiori dettagli delle code.
La coda inferiore, che appare ampia e sfocata, è la coda di polvere della cometa NEOWISE che si forma quando la polvere si solleva dalla superficie del nucleo della cometa e si trascina dietro a essa all'interno della sua orbita. Gli scienziati sperano di usare le immagini del WISPR per studiare la dimensione dei granelli di polvere all'interno della coda della polvere, nonché la velocità con cui la cometa la rilascia.

La coda superiore è la coda ionica, che è costituita da gas che sono stati ionizzati perdendo elettroni nella luce intensa del Sole. Questi gas ionizzati sono schiacciati dal vento solare - il costante deflusso di materiale magnetizzato del Sole - creando la coda di ioni che si estende direttamente lontano dal Sole. Le immagini della sonda solare Parker sembrano mostrare una ulteriore divisione nella coda ionica. Ciò potrebbe significare che la cometa NEOWISE ha due code di ioni, oltre alla coda di polvere, anche se gli scienziati avrebbero bisogno di più dati e analisi per confermare questa possibilità.

fonti: NASA

Dello stesso argomento
  • Solar Orbiter: tutto pronto per il transito attraverso la coda della cometa ATLAS
    01 giugno 2020
    Il Solar Orbiter dell'ESA attraverserà le code della cometa ATLAS, frammentatasi in Aprile, nei prossimi giorni. Anche se la sonda spaziale recentemente lanciata non avrebbe dovuto acquisire dati scientifici in questo momento, gli esperti della missione hanno lavorato per garantire che i quattro strumenti più importanti dei veicolo siano accesi durante questo incontro unico.
  • Solar Orbiter: le prime incredibili immagini del Sole
    17 luglio 2020
    Le prime immagini giunte dal Solar Orbiter, la nuova missione di osservazione del Sole in collaborazione tra l'ESA e la NASA, hanno rivelato dei continui minuscoli brillamenti solari, soprannominati "falò", vicino alla superficie della nostra stella.
  • Solar Orbiter: la fotocamera più vicina al Sole
    14 settembre 2020
    C'è un paradosso al centro della missione di Solar Orbiter. Da un lato, gli scienziati vogliono utilizzare il veicolo spaziale per acquisire le immagini del Sole più vicine che siano mai state scattate. Dall'altro, sanno che più si avvicinano, più dannosa diventa la stessa luce che cercano di osservare. Ecco come la strumentazione della sonda è stata costruita per far fronte alle necessità della ricerca scientifica nel rispetto della sicurezza degli apparati.
  • Solar Orbiter: terminata la fase di "commissioning"
    02 luglio 2020
    Il Solar Orbiter dell'ESA ha completato con successo i quattro mesi di scrupolosa verifica tecnica, nota come "commissioning". Nonostante le sfide imposte dalla pandemia di COVID-19, la navicella spaziale è ora pronta per iniziare le attività di scienza mentre continua la sua crociera verso il Sole.
  • Il viaggio interstellare delle molecole di fosforo
    17 gennaio 2020
    Riscontrate sulla cometa 67P-C/G tracce di monossido di fosforo formatesi in determinate regioni di formazione stellare.