Deep Space Network IT

Annunciati i vincitori del NASA Venus Rover Challenge

07 luglio 2020
Come si progetta un veicolo in grado di resistere al calore simile a una fornace e alla pressione di schiacciamento di Venere? Un'idea esplorata dal Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California è un rover alimentato dal vento, che ha appena ricevuto una spinta da designer, comunità di produttori e cittadini scienziati di tutto il mondo. A febbraio, la NASA ha lanciato un concorso pubblico per cercare idee per un sensore meccanico di evitamento degli ostacoli che potesse essere incorporato nel design del nuovo rover. E oggi sono stati annunciati i vincitori.

La risposta della comunità è stata incredibile e migliore di quanto avessi mai immaginato", ha dichiarato Jonathan Sauder, ingegnere meccatronico senior della JPL. "C'erano così tante grandi idee e concetti ben sviluppati che oltre al primo, al secondo e al terzo posto, abbiamo deciso di aggiungere altri due finalisti e altre 10 menzioni d'onore in riconoscimento del fantastico lavoro svolto per questo progetto".
La brillantezza delle idee è stata accompagnata dalla sfida che i futuri esploratori robotici di Venere dovranno affrontare. Il tempo più lungo di resistenza di un qualsiasi veicolo spaziale sulla superficie di Venere è stato di poco più di due ore - un record stabilito dalla sonda Venera 13 dell'Unione Sovietica nel 1981. E l'ultimo veicolo spaziale atterrato su Venere fu la missione sovietica Vega 2 nel 1985, sopravvissuto per soli 52 minuti.
Venere è nota anche come il "pianeta gemello" della Terra, ma per sviluppare macchine in grado di resistere al suo ambiente estremo, ci sarà ovviamente bisogno di un approccio diverso.
E' qui che entra in gioco AREE, un progetto condotto da Sauder presso il JPL. Abbreviazione di Automaton Rover for Extreme Environment (Rover Automatico per ambienti estremi), AREE è un concetto di rover con un approccio di locomozione meccanica in grado di eseguire autonomamente sequenze complesse di operazioni e istruzioni. Il concetto è nato come uno studio della NASA Innovative Advanced Concepts (NIAC), che finanzia tecnologie in fase iniziale che potrebbero supportare future missioni spaziali.

AREE sfrutterebbe una piccola turbina eolica e un sistema di molle per generare e immagazzinare energia meccanica che potrebbe alimentare la sua locomozione. Pensare a come un orologio da taschino a carica immagazzina energia e guida il movimento dei suoi ingranaggi interni per mantenere il tempo fornisce un'idea di base sul suo funzionamento. Sostituendo l'elettronica sensibile e i computer delicati con ingranaggi, componenti realizzati con leghe avanzate resistenti al calore ed elettronica ad alta temperatura ma a capacità limitata, è possibile costruire una macchina più robusta, che potrebbe durare per mesi in quell'ambiente proibitivo.
Ma come farebbe una macchina del genere a percorrere il terreno senza sensori elettronici avanzati? Questa era la domanda alla base della sfida "Exploring Hell: Avoiding Obstacles on a Clockwork Rover" della NASA . Complessivamente, sono state presentate 572 proposte da un mix di squadre e individui provenienti da 82 paesi, con idee che andavano dai sistemi di rulli per rilevare i rischi ai parafanghi sovradimensionati che avrebbero bloccato il rover al contrario se avesse colpito un masso.
Il primo premio è di $ 15.000; il secondo posto vince $ 10.000; e terzo posto, $ 5.000. I due premi finalisti aggiuntivi e non pianificati per la voce più innovativa e la voce con il miglior prototipo sono $ 2.000 ciascuno. La sovvenzione è stata fornita dai programmi di premi e sfide della NIAC e della NASA.
Ma il più grande premio per i finalisti? Essere considerati per l'inclusione nel design di AREE mentre il concetto di rover continua a svilupparsi.

Premi finali:

Primo posto: "Venus Feelers" di Youssef Ghali
Secondo posto: "Skid n' Bump - All-mechanical, Mostly Passive" del Team Rovetronics
Terzo posto: "Direction Biased Obstacle Sensor (DBOS)" di Callum Heron
Miglior prototipo: "AMII Sensor" di KOB ART
Più innovativo: "ECHOS: Evaluate Cliffs Holes Objects & Slopes" di Matthew Reynolds

Per ulteriori informazioni sulla sfida e le opere vincitrici, inclusi video e foto dei progetti, visitate:
https://www.herox.com/VenusRover/128-meet-the-winners

fonti: NASA Jet Propulsion Laboratory

Dello stesso argomento
  • Scoperto un importante modello strutturale tra le nubi di Venere
    11 febbraio 2020
    Un gruppo di ricerca giapponese ha identificato una gigantesca struttura a strisce tra le nuvole che coprono il pianeta Venere sulla base dell'osservazione della sonda Akatsuki.
  • VERITAS: alla scoperta dei segreti di Venere
    11 luglio 2020
    In lista di valutazione per diventare una delle prossime missioni del Discovery Program della NASA, VERITAS si propone di rivelare i misteri sepolti sotto la superficie di Venere, il pianeta "fratello" della Terra.
  • BepiColombo: effettuato il primo sorvolo di Venere
    16 ottobre 2020
    La missione ESA-JAXA BepiColombo ha completato il primo dei due flyby di Venere necessari per metterlo in rotta con il pianeta più interno del Sistema Solare, Mercurio.
  • La NASA seleziona quattro possibili missioni per studiare i segreti del Sistema Solare
    14 febbraio 2020
    La NASA ha selezionato quattro indagini del Discovery Program per sviluppare studi concettuali di nuove missioni nel Sistema Solare su obiettivi scientifici che non siano già coperti da missioni attive o da selezioni recenti.
  • Tianwen-1: partita la prima missione della Cina su Marte
    23 luglio 2020
    Il lancio della sonda Tianwen-1 diretta verso Marte è avvenuto con successo alle 6:00 di questa mattina(ora italiana) Scopriamo qualche dettaglio in più grazie all'articolo pubblicato su Nature Astronomy del capo scienziato della missione e del suo team con una panoramica incentrata sugli obiettivi scientifici e sulla strumentazione della prima missione cinese su Marte.