Deep Space Network IT

Voyager 1: una nuova versione della "Pale Blue Dot"

13 febbraio 2020
Nel 30° anniversario della celebre foto della Terra, scattata dal punto più lontano sinora raggiunto da una sonda, la NASA pubblica una nuova versione rivisitata.

Per il trentesimo anniversario di una delle immagini più iconiche della missione Voyager, il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, ha pubblicato una nuova versione dell'immagine nota come il "Pale Blue Dot" (il "pallido puntino azzurro").
L'immagine è stata infatti aggiornata utilizzando i più moderni software e le nuove tecniche di elaborazione delle immagini, sempre nel rispetto degli intenti di coloro che avevano pianificato lo scatto. Come l'originale, la nuova immagine a colori mostra il pianeta Terra come un singolo pixel blu brillante nella vastità dello spazio. Raggi di luce solare sparsi all'interno dell'ottica della telecamera si estendono attraverso la scena, uno dei quali si interseca con la Terra. La direzione del Sole è verso la parte inferiore della foto (dove l'immagine è più luminosa).
Lo scatto è stato ottenuto il 14 febbraio 1990, pochi minuti prima che le telecamere della Voyager 1 venissero intenzionalmente spente per risparmiare energia e perché la sonda - insieme alla gemella Voyager 2 - non avrebbe più effettuato altri sorvoli di oggetti durante la loro vita operativa. La disattivazione di strumenti e sistemi sui due veicoli spaziali Voyager è stato da quel momento un processo graduale e continuo che ha contribuito alla loro storica longevità. Questa celebre immagine di Voyager 1 fa parte di una serie di 60 immagini pensate per produrre quello che la missione chiamava "Ritratto di famiglia" del Sistema Solare. Eseguita a San Valentino nel 1990, questa sequenza ha restituito le immagini a colori di sei pianeti del Sistema Solare e ha anche immortalato il Sole in monocromatico.
Il pianeta occupa meno di un singolo pixel nell'immagine (la larghezza effettiva del pianeta sul cielo era inferiore a un pixel nella videocamera della Voyager) e quindi la sua risoluzione non è piena. Al contrario, Giove e Saturno erano abbastanza grandi da riempire un pixel intero. Dal punto di vista della Voyager 1 - una distanza di circa 6 miliardi di chilometri - la Terra era separata dal Sole di pochi gradi. La stretta vicinanza dei pianeti interni al Sole è stato un fattore chiave che ha impedito a queste immagini di essere scattate all'inizio della missione, poiché la nostra stella era ancora vicina e abbastanza luminosa da danneggiare le telecamere con il suo bagliore accecante.
La vista è un composito a colori creato combinando le immagini scattate con i filtri spettrali verde, blu e viola dalla Voyager 1 Narrow-Angle Camera. Sono stati scattati alle 4:48 GMT del 14 febbraio 1990, appena 34 minuti prima che la Voyager 1 spegnesse le telecamere per sempre.
Come la versione originale, questa è tecnicamente uno scatto in "falsi colori" poiché le immagini del filtro colorato utilizzate sono state mappate rispettivamente in rosso, verde e blu. La luminosità di ciascun canale di colore era bilanciata rispetto agli altri, motivo per cui la scena appare più luminosa ma meno granulosa dell'originale. Inoltre, il colore era bilanciato in modo che il raggio principale (che ricopre la Terra) appaia bianco, come la luce bianca del Sole. Alla sua risoluzione originale l'immagine a colori appena elaborata aveva una dimensione di 666x659 pixel.
Il nome popolare di questo scatto è riconducibile al titolo del libro del 1994 dello scienziato della missione Voyager Carl Sagan, che ha avuto l'idea di utilizzare le telecamere della sonda per fotografare la Terra lontana e ha svolto un ruolo fondamentale per consentire l'acquisizione di immagini del Ritratto di Famiglia.

fonti: NASA, Jet Propulsion Laboratory

Dello stesso argomento