Deep Space Network IT

La missione Lucy entra nella fase di costruzione

23 ottobre 2019
La missione Lucy della NASA ha completato con successo la Critical Design Review il 18 ottobre.

La missione Lucy della NASA ha completato con successo la Critical Design Review il 18 ottobre. Durante questa revisione un comitato di revisione indipendente, composto da revisori della NASA e di diverse organizzazioni esterne, ha ascoltato presentazioni su tutti gli aspetti del progetto della missione. Sono stati affrontati tutti gli aspetti della missione, inclusi il veicolo spaziale Lucy e il suo carico di strumenti scientifici, o piani di test a livello di sistema per hardware e software di volo e l'ingegneria dei sistemi dando infine il via libera alla fase di costruzione.
Lucy sarà la prima missione spaziale ad esplorare una popolazione di piccoli corpi noti come asteroidi troiani. Essi sono asteroidi esterni al Sistema Solare che orbitano attorno al Sole alla stessa distanza dal Sole di Giove. Il gigante gassoso è abbastanza grande da spargere normalmente tutti gli asteroidi nelle sue vicinanze, ma, a causa delle influenze gravitazionali combinate del Sole e di Giove, questi asteroidi troiani sono stati intrappolati su orbite stabili (attorno a quelli che sono noti come i Punti di Lagrange ) per miliardi di anni. Questi asteroidi forniscono un campione unico, mai esplorato prima, dei resti del nostro primo sistema solare.
I modelli di formazione e di evoluzione suggeriscono che gli asteroidi troiani siano probabilmente rimasti dello stesso materiale primordiale che formava i pianeti esterni e quindi fungono da capsule temporali della nascita del nostro Sistema Solare avvenuta oltre 4 miliardi di anni fa. Questi corpi primitivi contengono indizi vitali per decifrare la storia del nostro Sistema Solare e possono parlarci delle origini dei materiali organici, e forse della vita, presenti sulla Terra.
La missione di Lucy prende il nome dallo scheletro fossilizzato di un antico ominide trovato in Etiopia e, proprio come quel fossile ha fornito spunti unici sull'evoluzione dell'umanità, la missione di Lucy promette di rivoluzionare la nostra conoscenza delle origini planetarie e della formazione del Sistema Solare.
Lucy effettuerà il telerilevamento su sei diversi asteroidi troiani in un lungo viaggio della durata di 12 anni, il suo decollo è previsto da Cape Canaveral nell'Ottobre del 2021.

fonti: NASA, John Hopkins

Dello stesso argomento
  • OSIRIS-ReX indaga sulle espulsioni di particelle dell'asteroide Bennu
    06 dicembre 2019
    Dopo l'arrivo della sonda OSIRIS-REx all'asteroide Bennu una scoperta inaspettata da parte del team scientifico della missione ha rivelato che l'asteroide poteva essere attivo o scaricare costantemente particelle nello spazio.
  • OSIRIS-REx: l'asteroide Bennu riceve le prime denominazioni ufficiali
    07 marzo 2020
    L'Unione Astronomica Internazionale (IAU) ha approvato i nomi delle caratteristiche proposti dai membri del team OSIRIS-REx della NASA che hanno mappato l'asteroide Bennu nel corso dell'ultimo anno. Il veicolo spaziale OSIRIS-REx, la prima missione con ritorno di campioni di un asteroide della NASA, sta attualmente studiando la morfologia di Bennu in previsione delle operazioni di raccolta nella prossima estate.
  • Psyche: completato il design della missione, ora inizia la fase di costruzione
    10 luglio 2020
    Psyche, la missione della NASA che avrà il compito di esplorare l'asteroide metallico che porta lo stesso nome, ha recentemente superato un traguardo cruciale che lo avvicina alla data di lancio dell'agosto 2022. Ora la missione si sta spostando dalla pianificazione e progettazione alla produzione dell'hardware del veicolo spaziale che volerà verso il suo obiettivo nella cintura degli asteroidi tra Marte e Giove.
  • Selezionati i siti canditati per OSIRIS-REx
    13 agosto 2019
    Dal suo arrivo a dicembre 2018, il veicolo spaziale OSIRIS-REx ha mappato l'intero asteroide al fine di identificare i punti più sicuri e più accessibili per il veicolo spaziale per il prelievo di un campione.
  • Hayabusa 2: iniziato il viaggio di rientro sulla Terra
    13 novembre 2019
    Alle 10:05 (2:05 in Italia) è iniziato il viaggio di rientro della sonda Hayabusa 2 che giungerà sulla Terra nel Dicembre del 2020 nei pressi del poligono militare di Woomera, in Australia, con il prezioso carico di campioni raccolti sulla superficie dell'asteroide Ryugu.