Deep Space Network IT

La NASA annuncia la missione Dragonfly su Titano

28 giugno 2019
La NASA ha ufficializzato la prossima missione del programma New Frontiers (di cui fanno parte New Horizons, Juno e OSIRIS-ReX) che avrà come obbiettivo lo studio della superficie e dell'atmosfera di Titano, la luna di Saturno, per circa 3 anni.

La NASA ha ufficializzato la prossima missione del programma New Frontiers (di cui fanno parte New Horizons, Juno e OSIRIS-ReX) che avrà come obbiettivo lo studio della superficie e dell'atmosfera di Titano, la luna di Saturno, per circa 3 anni.
Titano è stato scelto perché gli scienziati considerano quella luna ghiacciata il mondo più simile alla Terra presente nel Sistema Solare. Un laboratorio scientifico che potrebbe nascondere indizi su come la vita si sia sviluppata sul nostro pianeta.
La Dragonfly è un aerogiro che sfrutterà la potenza di 8 rotori per muoversi sulla superficie del pianeta come un grosso drone e raggiungere così diversi punti di interesse scientifico. Non potendo sfruttare l'energia solare a causa della nebbiosa atmosfera di Titano, il veicolo sarà alimentato da una batteria MMRPG come quella presente sul rover Curiosity. Durante le ore diurne di Titano (pari a circa 8 giorni terrestri) svolgerà le operazioni scientifiche per poi sfruttare la notte per ricaricarsi.
Dragonfly sarà il primo veicolo in grado di svolgere rilevazioni sia a Terra che in volo durante gli spostamenti. Il lancio della missione è pianificato nel 2026 con arrivo su Titano previsto nel 2034.

fonti: NASA

Dello stesso argomento
  • DragonFly: cinque motivi per esplorare Titano
    26 febbraio 2020
    La NASA è al lavoro per realizzare il drone volante DragonFly che esplorerà la superficie di Titano. Scopriamo i motivi per i quali una missione sulla luna di Saturno è diventata uno degli obiettivi più allettanti per la ricerca spaziale.
  • Alcuni laghi di Titano potrebbero essere nati da esplosioni
    11 settembre 2019
    Un team internazionale di esperti coordinati dal ricercatore italiano Giuseppe Mitri ha analizzato le rilevazioni radar raccolte durante l'ultimo sorvolo ravvicinato della sonda Cassini a Titano, la più grande luna di Saturno.
  • Cassini: la luna Titano si allontana da Saturno più velocemente di quanto si pensasse
    09 giugno 2020
    Una nuova analisi dei dati raccolti dalla sonda Cassini da parte di scienziati NASA e colleghi dell'ASI (Agenzia Spaziale Italiana) ha mostrato come Titano, la grande luna di Saturno, si stia allontanando dal pianeta molto più rapidamente del previsto. Questo risultato porta un nuovo importante pezzo del puzzle sul dibattito legato all'età del sistema di Saturno e su come si siano formati i suoi anelli e le sue lune.
  • Shapeshifter, il Transformers per l'esplorazione di Titano
    26 settembre 2019
    Nel continuo sviluppo di tecnologie innovative per la ricerca spaziale la NASA ha istituito il programma NIAC (NASA Innovative Advanced Concepts) che offre diverse fasi di finanziamento a concetti visionari, contribuendo a trasformare idee che sembrano fantascienza in concreti fatti scientifici.
  • I pianeti con oceani sono comuni nella galassia?
    19 giugno 2020
    In attesa di poter lanciare il James Webb Telescope alcuni scienziati della NASA hanno effettuato un'analisi matematica di alcune decine di esopianeti. Più di un quarto degli esopianeti osservati potrebbero essere mondi oceanici la cui maggioranza è probabile ospiti degli oceani sotto strati di ghiaccio superficiale, simile alle lune Europa ed Encelado.