Deep Space Network IT

Curiosity rileva la più alta presenza di Metano

25 giugno 2019
Durante una rilevazione tramite lo strumento SAM avvenuta lo scorso weekend, il rover Curiosity ha riscontrato la più alta concentrazione di metano mai registrata sul pianeta pari a 21 parti per miliardo di unità di volume.

Durante una rilevazione tramite lo strumento SAM avvenuta lo scorso weekend, il rover Curiosity ha riscontrato la più alta concentrazione di metano mai registrata sul pianeta pari a 21 parti per miliardo di unità di volume.
Una così elevata concentrazione di metano può essere il segnale della presenza di vita microbica, anche se il metano può essere prodotto dalle interazioni tra rocce e acqua.
Curiosity non possiede la strumentazione necessaria a stabilire quale sia la fonte del metano, risposte che potranno forse essere fornite dalla missione ExoMars 2020 con un nuovo rover che scaverà sino alla profondità di 2 metri alla ricerca di batteri.
Il team Curiosity ha già rilevato il metano molte volte nel corso della missione. Le registrazioni precedenti hanno documentato come i livelli del gas sembrano aumentare e diminuire stagionalmente. Sono stati inoltre notati improvvisi picchi di metano, ma il team scientifico non sa quale sia la loro durata nel tempo o perché risultino differenti dai modelli stagionali.
L'ultima rilevazione di lunedì mattina ha segnalato che i livelli sono nettamente diminuiti tornando a 1 parte per miliardo, valore vicino a quello che Curiosity rileva costantemente. Saranno necessari altri studi e rilevazioni, magari combinate con quelli di altre missioni (es. il Trace Gas Orbiter) per riuscire a determinare la provenienza di questi picchi.

fonti: NASA, Jet Propulsion Laboratory

Dello stesso argomento
  • Curiosity: trovati indizi di antico ghiaccio marziano sepolto nelle rocce
    25 maggio 2020
    Studiando gli elementi chimici presenti oggi su Marte, inclusi carbonio e ossigeno, gli scienziati possono ricostruire la storia di un pianeta che una volta aveva le condizioni necessarie per sostenere la vita. Utilizzando il rover Curiosity della NASA, gli scienziati hanno trovato prove dell'esistenza di laghi di lunga durata e hanno anche scavato trovando composti organici e elementi chimici della vita.
  • DragonFly: cinque motivi per esplorare Titano
    26 febbraio 2020
    La NASA è al lavoro per realizzare il drone volante DragonFly che esplorerà la superficie di Titano. Scopriamo i motivi per i quali una missione sulla luna di Saturno è diventata uno degli obiettivi più allettanti per la ricerca spaziale.
  • Curiosity realizza un immagine panoramica ad altissima risoluzione
    06 marzo 2020
    Il rover della NASA ha scattato, durante la Festa del Ringraziamento dello scorso Novembre, un'immagine panoramica ad altissima risoluzione composta da oltre 1000 scatti che sono poi stati assemblati nei mesi successivi.
  • Pubblicati i risultati scientifici di ExoMars
    11 aprile 2019
    Tramite due articoli pubblicati su Nature sono stati riportati i primi risultati delle ricerche scientifiche svolte dalla sonda ExoMars sul pianeta rosso: la sonda non è riuscita a trovare il metano rilevato sia da un’altra sonda europea, cioè Mars Express, che da Curiosity della NASA, nel 2013.
  • Alcuni laghi di Titano potrebbero essere nati da esplosioni
    11 settembre 2019
    Un team internazionale di esperti coordinati dal ricercatore italiano Giuseppe Mitri ha analizzato le rilevazioni radar raccolte durante l'ultimo sorvolo ravvicinato della sonda Cassini a Titano, la più grande luna di Saturno.