Deep Space Network IT

L'ESA annuncia la missione Comet Interceptor

24 giugno 2019
La scorsa settimana l'ESA ha annunciato l'avvio della progettazione di una nuova missione, erede delle precedenti Giotto e Rosetta, denominata "Comet Interceptor" con lancio previsto nel 2028 per raggiungere e studiare una cometa.

La scorsa settimana l'ESA ha annunciato l'avvio della progettazione di una nuova missione, erede delle precedenti Giotto e Rosetta, denominata "Comet Interceptor" con lancio previsto nel 2028 per raggiungere e studiare una cometa.
La missione sarà composta da tre sonde complementari che effettueranno per la prima volta un'analisi tridimensionale dell'oggetto consentendo una migliore comprensione della sua natura dinamica.
L'obiettivo della missione sarà una cometa DNL (Dynamically New Comet) ovvero un oggetto che, a differenza delle comete periodiche, non abbia mai attraversato la parte interna del nostro Sistema Solare e risulti quindi "incontaminata" (un esempio è il recente Oumuamua). La cometa non è stata ancora selezionata ma è probabile si opti per un oggetto proveniente dalla nube di Oort.
La missione sarà di classe F, ovvero una "missione fast (veloce)" tra i cui vincoli ci sono un tempo di implementazione non superiore agli 8 anni e un peso inferiore ai 1000kg. La Comet Interceptor condividerà inoltre il lanciatore con il telescopio ARIEL dedicato allo studio degli esopianeti.

fonti: ESA

Dello stesso argomento
  • Solar Orbiter: tutto pronto per il transito attraverso la coda della cometa ATLAS
    01 giugno 2020
    Il Solar Orbiter dell'ESA attraverserà le code della cometa ATLAS, frammentatasi in Aprile, nei prossimi giorni. Anche se la sonda spaziale recentemente lanciata non avrebbe dovuto acquisire dati scientifici in questo momento, gli esperti della missione hanno lavorato per garantire che i quattro strumenti più importanti dei veicolo siano accesi durante questo incontro unico.
  • Parker Solard Probe: uno sguardo alla cometa NEOWISE
    13 luglio 2020
    La sonda Parker Solar Probe della NASA si è trovata nel posto giusto e al momento giusto per catturare un'immagine unica della cometa NEOWISE il 5 luglio 2020. La posizione della sonda nello spazio ha consentito uno scatto senza eguali delle code gemelle della cometa, quando era particolarmente attiva, dopo il suo punto di passaggio più vicino al Sole.
  • Il viaggio interstellare delle molecole di fosforo
    17 gennaio 2020
    Riscontrate sulla cometa 67P-C/G tracce di monossido di fosforo formatesi in determinate regioni di formazione stellare.
  • Spitzer rileva con precisione i tempi della "danza" tra due buchi neri
    30 aprile 2020
    I buchi neri non sono fermi nello spazio ma possono essere abbastanza attivi nei loro movimenti. Poiché sono completamente oscuri e non possono essere osservati direttamente, non sono facili da studiare. L'osservatorio a infrarossi Spitzer, recentemente ritirato, è stato l'unico telescopio a individuare un lontano lampo di luce che contiene indizi sulle caratteristiche fisiche di questi misteri cosmici.
  • Hubble: un possibile esopianeta scompare durante le ultime osservazioni
    22 aprile 2020
    Quello che gli astronomi pensavano fosse un pianeta al di là del nostro Sistema Solare è ora apparentemente scomparso dalla vista. Anche se questo può accadere nella fantascienza, come l'esplosione del pianeta natale di Superman, Krypton, gli astronomi sono alla ricerca di una spiegazione plausibile.