Deep Space Network IT

MRO individua un nuovo cratere da impatto

19 giugno 2019
Lo scorso aprile il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) ha individuato un nuovo cratere da impatto formatosi probabilmente tra settembre 2016 e febbraio 2019.

Lo scorso aprile il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) ha individuato un nuovo cratere da impatto formatosi probabilmente tra settembre 2016 e febbraio 2019. L'immagine è stata catturata dalla fotocamera ad alta risoluzione HiRISE da un altitudine di circa 255 km.
Il cratere del diametro di 15-16 metri presenta una colorazione nera e blu. La parte scura, secondo gli esperti della Nasa, è dovuta alla presenza al di sotto della superficie marziana di rocce basaltiche di origine vulcanica mentre le macchie blu dovrebbero rivelare la presenza di ghiaccio nascosto sotto lo strato di polvere rossa.
Situato nella regione di Valles Marineris, non lontano dall’equatore marziano, il cratere sarebbe stato generato dall’impatto di un oggetto del diametro di circa un metro e mezzo.

fonti: NASA, Jet Propulsion Laboratory

Dello stesso argomento
  • MRO: sospese le operazioni per un aggiornamento della memoria
    20 febbraio 2020
    Dal 17 al 29 febbraio il Mars Reconnaissance Orbiter della NASA andrà in pausa dalla missione scientifica e dalle operazioni di relay per consentire un intervento di manutenzione della memoria.
  • Mars Express riprende le dune più scure di Marte
    08 marzo 2020
    Conosciuta per le sue ampie distese di dune increspate, strutturate e leggermente inclinate, la regione di Marte denominata Terra Sabaea ospita molte affascinanti caratteristiche geologiche tra cui l'importante cratere Moreux, catturato da alcune nuove riprese del Mars Express dell'ESA.
  • Curiosity: trovati indizi di antico ghiaccio marziano sepolto nelle rocce
    25 maggio 2020
    Studiando gli elementi chimici presenti oggi su Marte, inclusi carbonio e ossigeno, gli scienziati possono ricostruire la storia di un pianeta che una volta aveva le condizioni necessarie per sostenere la vita. Utilizzando il rover Curiosity della NASA, gli scienziati hanno trovato prove dell'esistenza di laghi di lunga durata e hanno anche scavato trovando composti organici e elementi chimici della vita.
  • Perseverance: tutto pronto per il lancio
    18 giugno 2020
    La superficie del Pianeta Rosso è stata visitata sinora da otto veicoli spaziali della NASA. Il rover Perseverance sarà il nono e il primo che includerà una raccolta campioni di Marte per un futuro ritorno sulla Terra.
  • Mars Express: scatti dalla superficie scolpita del Pianeta Rosso
    15 maggio 2020
    Incredibili immagini inviate da Marte mostrano come sul pianeta la natura sia un potente scultore che ritrae un paesaggio fortemente sfregiato e fratturato. Questo terreno è stato formato da forze intense e prolungate che hanno agito sulla superficie di Marte per centinaia di milioni di anni.