Deep Space Network IT

Curiosity trova un deposito di argilla

31 maggio 2019
Il rover Curiosity, attualmente impegnato in attività di perforazione a fianco del monte Sharp, ha scoperto grandi quantità di materiali argillosi in due reperti rocciosi chiamati "Aberlady" e "Kilmarie".

Il rover Curiosity, attualmente impegnato in attività di perforazione a fianco del monte Sharp, ha scoperto grandi quantità di materiali argillosi in due reperti rocciosi chiamati "Aberlady" e "Kilmarie".
La loro presenza è molto importante poichè l'argilla si forma in presenza di acqua. È probabile che le rocce nella zona si siano formate come strati di fango in antichi laghi, l'acqua ha interagito con i sedimenti nel tempo, lasciando un'abbondanza di argilla.
Inoltre, durante una pausa dalla perforazione, sono state utilizzate le videocamere di navigazione per riprendere alcuni movimenti di nubi.
Questi filamenti di nuvole, molto simili ai cirri terrestri, dovrebbero essere composti da ghiaccio d'acqua e si trovano a circa 31 km di altezza.

fonti: NASA, Jet Propulsion Laboratory

Dello stesso argomento
  • Curiosity: trovati indizi di antico ghiaccio marziano sepolto nelle rocce
    25 maggio 2020
    Studiando gli elementi chimici presenti oggi su Marte, inclusi carbonio e ossigeno, gli scienziati possono ricostruire la storia di un pianeta che una volta aveva le condizioni necessarie per sostenere la vita. Utilizzando il rover Curiosity della NASA, gli scienziati hanno trovato prove dell'esistenza di laghi di lunga durata e hanno anche scavato trovando composti organici e elementi chimici della vita.
  • Curiosity realizza un immagine panoramica ad altissima risoluzione
    06 marzo 2020
    Il rover della NASA ha scattato, durante la Festa del Ringraziamento dello scorso Novembre, un'immagine panoramica ad altissima risoluzione composta da oltre 1000 scatti che sono poi stati assemblati nei mesi successivi.
  • Curiosity rileva la più alta presenza di Metano
    25 giugno 2019
    Durante una rilevazione tramite lo strumento SAM avvenuta lo scorso weekend, il rover Curiosity ha riscontrato la più alta concentrazione di metano mai registrata sul pianeta pari a 21 parti per miliardo di unità di volume.
  • JAXA: la Martian Moons eXplorations entra nella fase di sviluppo
    24 febbraio 2020
    L'agenzia spaziale giapponese ha approvato la fase di sviluppo di una missione per recuperare un campione dalla luna marziana Phobos con ritorno sulla Terra il cui lancio è previsto nel 2024.
  • MRO: sospese le operazioni per un aggiornamento della memoria
    20 febbraio 2020
    Dal 17 al 29 febbraio il Mars Reconnaissance Orbiter della NASA andrà in pausa dalla missione scientifica e dalle operazioni di relay per consentire un intervento di manutenzione della memoria.