Deep Space Network IT

OSIRIS-REx entra nell'orbita di Bennu

02 gennaio 2019
Dopo due anni di viaggio la sonda OSIRIS-Rex ha compiuto la complicata manovra di immissione nell'orbita dell'asteroide Bennu posizionandosi a circa 1,75 Km. dal suo centro.

Dopo due anni di viaggio la sonda OSIRIS-Rex ha compiuto la complicata manovra di immissione nell'orbita dell'asteroide Bennu posizionandosi a circa 1,75 Km. dal suo centro.

fonti: NASA

Dello stesso argomento
  • OSIRIS-ReX indaga sulle espulsioni di particelle dell'asteroide Bennu
    06 dicembre 2019
    Dopo l'arrivo della sonda OSIRIS-REx all'asteroide Bennu una scoperta inaspettata da parte del team scientifico della missione ha rivelato che l'asteroide poteva essere attivo o scaricare costantemente particelle nello spazio.
  • OSIRIS-REx: la luce solare crea fratture termiche sulla superficie degli asteroidi
    11 giugno 2020
    Gli asteroidi catturati nelle orbite attorno al Sole vengono bombardati dai meteoroidi, colpiti dalle radiazioni spaziali e ora, per la prima volta, gli scienziati hanno riscontrato che anche una fioca luce solare può logorarli.
  • OSIRIS-REx è pronta per il touchdown sull'asteroide Bennu
    21 maggio 2020
    La prima missione con il ritorno di campioni di un asteroide della NASA è ufficialmente pronta all'atteso touchdown sulla superficie dell'asteroide Bennu. Secondo quanto programmato dal controllo missione il primo tentativo di raccolta è previsto per il prossimo 20 ottobre.
  • OSIRIS-REx: l'asteroide Bennu riceve le prime denominazioni ufficiali
    07 marzo 2020
    L'Unione Astronomica Internazionale (IAU) ha approvato i nomi delle caratteristiche proposti dai membri del team OSIRIS-REx della NASA che hanno mappato l'asteroide Bennu nel corso dell'ultimo anno. Il veicolo spaziale OSIRIS-REx, la prima missione con ritorno di campioni di un asteroide della NASA, sta attualmente studiando la morfologia di Bennu in previsione delle operazioni di raccolta nella prossima estate.
  • OSIRIS-REx cattura l'emissione di un buco nero
    03 marzo 2020
    Studenti universitari e ricercatori NASA che lavorano alla missione presso l'asteroide Bennu hanno osservato inaspettatamente un fenomeno a 30 mila anni luce di distanza.