Deep Space Network IT

Mars2020: Perseverance è partito in direzione Marte!

31 luglio 2020
Alle 13:50 (ora italiana) di Giovedì 30 luglio, il rover Perseverance è partito a bordo di un razzo Atlas V in direzione Marte. Dopo le varie operazioni che hanno portato il veicolo spaziale in orbita di parcheggio, la navicella spaziale è stata sganciata verso il Pianeta Rosso.

La missione del rover Perseverance Mars 2020 della NASA è partita per il Pianeta Rosso alla ricerca di segni di vita passata e per raccogliere campioni da inviare sulla Terra.
Il rover più sofisticato dell'umanità è stato lanciato insieme all'elicottero Ingenuity Mars alle 13:50 (ora italiana) giovedì su un razzo Atlas V della United Launch Alliance (ULA) dallo Space Launch Complex 41 presso la base di Cape Canaveral in Florida.

"Con il lancio di Perseverance, iniziamo un'altra missione storica di esplorazione", ha dichiarato l'amministratore della NASA Jim Bridenstine. "Questo fantastico viaggio ha già richiesto il meglio di tutti noi per consentirne la partenza in questi tempi difficili. Ora possiamo aspettarci la sua incredibile scienza e il portare a casa campioni di Marte mentre avanziamo nella preparazione di missioni umane sul Rosso Pianeta. Come missione, come agenzia e come paese, persevereremo".

La fase superiore dell'UL Atlas V, denominata Centaur, inizialmente ha collocato la navicella del Mars 2020 in un'orbita di parcheggio attorno alla Terra. Il motore si è acceso per la seconda volta e la navicella si è separata dal Centaur come previsto. I dati di navigazione indicano che il veicolo spaziale è perfettamente in rotta per Marte.
Mars 2020 ha inviato il suo primo segnale ai controllori a Terra tramite la Deep Space Network della NASA alle 15:15, tuttavia i dati di telemetria (i dati più dettagliati del veicolo) non erano ancora stati acquisiti. Intorno alle 17:30 un segnale con telemetria è stato ricevuto dal Mars 2020 dalle stazioni di Terra della NASA. I dati hanno indicato che l'astronave era entrata in uno stato noto come "safe mode" probabilmente perché una parte della navicella era un po 'più fredda del previsto trovandosi all'ombra della Terra. Tutte le temperature sono ora nominali e l'astronave è uscita dall'ombra della Terra.

Quando un veicolo spaziale entra in safe mode, tutti i sistemi tranne quelli essenziali vengono spenti fino a quando non sono ricevuti nuovi comandi dal controllo missione. Un lancio interplanetario è veloce e dinamico, quindi un veicolo spaziale è progettato per mettersi in safe mode se il suo computer di bordo rileva che le condizioni non rientrano nei parametri preimpostati. In questo momento la missione Mars 2020 sta effettuando una valutazione completa della salute del veicolo spaziale e sta lavorando per riportarsi in una configurazione nominale per il suo viaggio verso Marte.

La missione di astrobiologia del rover Perseverance è quella di cercare segni di vita microscopica del passato di Marte, esplorare la diversa geologia del suo sito di atterraggio, il cratere Jezero, e dimostrare l'efficacia di tecnologie fondamentali che ci aiuteranno a prepararci per la futura esplorazione robotica e umana.
"Il cratere di Jezero è il luogo perfetto per cercare segni di vita passata", ha affermato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della direzione della missione scientifica della NASA presso la sede dell'agenzia a Washington. "Perseverance farà scoperte che ci indurranno a ripensare alle domande su cosa era Marte e come lo comprendiamo oggi. Mentre i nostri strumenti studiano le rocce lungo un antico fondo del lago e selezionano campioni per il ritorno sulla Terra potremmo ottenere le informazioni di cui gli scienziati hanno bisogno per confermare che la vita è esistita altrove nell'universo. "
Il sistema di Sample Caching System di Perseverance per la raccolta e analisi di roccia e polvere marziana potrebbe rispondere a domande fondamentali sul potenziale di esistenza della vita oltre la Terra. Due future missioni attualmente all'esame della NASA, in collaborazione con l'ESA (Agenzia spaziale europea), lavoreranno portare i campioni in orbita per il ritorno sulla Terra. Quando arriveranno sulla Terra, i campioni di Marte saranno sottoposti ad analisi approfondite da parte di scienziati di tutto il mondo utilizzando apparecchiature troppo grandi per essere inviate sul Pianeta Rosso.

Un occhio ai Marziani del domani

Mentre la maggior parte dei sette strumenti di Perseverance sono orientati a conoscere meglio la geologia e l'astrobiologia del pianeta, il lavoro dello strumento MOXIE (Mars Oxygen In-Situ Resource Utilization Experiment) si concentra sulle missioni che devono ancora venire. Progettato per dimostrare che è possibile convertire l'anidride carbonica marziana in ossigeno, potrebbe portare a future versioni della tecnologia MOXIE che diventeranno punti di riferimento nelle missioni su Marte, fornendo ossigeno per carburante per missili e aria respirabile.
Inoltre, il futuro sarà l'elicottero Marte Ingenuity, attaccato al ventre di Perseverance per il viaggio verso Marte e per i primi 60 giorni sulla superficie. Essendo solo un dimostratore di tecnologia, l'obiettivo di Ingenuity è un semplice test di volo, non trasporta strumenti scientifici.
In 30 sol (31 giorni terrestri) l'elicottero tenterà di svolgere fino a cinque voli motorizzati e controllati. I dati acquisiti durante questi test di volo aiuteranno la prossima generazione di elicotteri su Marte a fornire una dimensione aerea alle esplorazioni - potenzialmente per la ricerca di rover ed equipaggi umani, il trasporto di piccoli carichi utili o lo studio di destinazioni difficili da raggiungere.
Le tecnologie del rover per l'ingresso, la discesa e l'atterraggio forniranno anche informazioni per far avanzare le future missioni umane su Marte.

"Perseverance è il rover più avanzato della storia perché si trova sulle spalle dei nostri pionieri Sojourner, Spirit, Opportunity e Curiosity", ha dichiarato Michael Watkins, direttore del Jet Propulsion Laboratory della NASA nella California meridionale. "Allo stesso modo, i discendenti di Ingenuity e MOXIE diventeranno strumenti preziosi per i futuri esploratori del Pianeta Rosso e oltre."
Circa sette mesi freddi, oscuri e spietati di viaggi nello spazio interplanetario anticipano la missione, una considerazione costante nella mente del team del progetto Mars 2020.
"C'è ancora molta strada tra noi e Marte", ha dichiarato John McNamee, project manager Mars 2020 presso JPL. "Circa 290 milioni di miglia. Ma se esiste una squadra che può ottenere il risultato, è questa. Andremo al cratere Jezero. Vi diamo appuntamento al 18 febbraio 2021!"

fonti: NASA

Dello stesso argomento
  • Ingenuity, il primo elicottero su Marte
    24 giugno 2020
    Il piccolo velivolo cercherà di dimostrare che il volo motorizzato e controllato è possibile su un altro pianeta. Ma il solo trasportarlo sulla superficie di Marte richiederà molta ingegnosità.
  • Perseverance: tutto pronto per il lancio
    18 giugno 2020
    La superficie del Pianeta Rosso è stata visitata sinora da otto veicoli spaziali della NASA. Il rover Perseverance sarà il nono e il primo che includerà una raccolta campioni di Marte per un futuro ritorno sulla Terra.
  • Mars 2020: Ingenuity, l'elicottero che verrà caricato a bordo di Perseverance
    06 maggio 2020
    Durante le ultime fasi di preparazione al lancio del rover Perseverance nella finestra che si aprirà tra luglio e agosto, è stato caricato a bordo un elicottero che inizierà ad operare circa dopo due mesi e mezzo dall'atterraggio.
  • Mars 2020: la scelta delle rocce da riportare sulla Terra
    06 aprile 2020
    Se fosse possibile riportare qualcosa da Marte sulla Terra, cosa sceglieresti? Questa domanda è divenuta realtà: l'ESA ha aperto una chiamata per cercare scienziati da inviare a un team della NASA che lavora per determinare quali campioni marziani dovrebbero essere raccolti e archiviati dal rover Perseverance che sarà lanciato in estate.
  • Tianwen-1: partita la prima missione della Cina su Marte
    23 luglio 2020
    Il lancio della sonda Tianwen-1 diretta verso Marte è avvenuto con successo alle 6:00 di questa mattina(ora italiana) Scopriamo qualche dettaglio in più grazie all'articolo pubblicato su Nature Astronomy del capo scienziato della missione e del suo team con una panoramica incentrata sugli obiettivi scientifici e sulla strumentazione della prima missione cinese su Marte.