Deep Space Network IT

Tianwen-1: partita la prima missione della Cina su Marte

23 luglio 2020
Il lancio della sonda Tianwen-1 diretta verso Marte è avvenuto con successo alle 6:00 di questa mattina(ora italiana) Scopriamo qualche dettaglio in più grazie all'articolo pubblicato su Nature Astronomy del capo scienziato della missione e del suo team con una panoramica incentrata sugli obiettivi scientifici e sulla strumentazione della prima missione cinese su Marte.

Tra gli otto pianeti del Sistema Solare, Marte è il più simile alla Terra ed è anche vicino. Pertanto, diventa naturalmente un obiettivo prioritario per l'esplorazione dello spazio. Marte offre un'opportunità sostanziale e pragmatica per rispondere alle domande chiave sull'esistenza della vita extraterrestre, l'origine e l'evoluzione del Sistema Solare e per esplorare le possibilità di avamposti umani. Dalle prime sonde spaziali volate dal pianeta negli anni '60 agli orbiter e ai rover di oggi, Stati Uniti, Russia, Europa, Giappone e India hanno sviluppato programmi di esplorazione su Marte per soddisfare le aspirazioni umane.

La Cina ha annunciato il suo programma di esplorazione planetaria oltre il sistema Terra-Luna nel 2016. Traendo vantaggio dall'eredità ingegneristica del programma di esplorazione lunare cinese, la strategia nazionale cinese ha impostato Marte come prossimo obiettivo per l'esplorazione planetaria. La prima missione cinese su Marte si chiama Tianwen-1 e mira a completare l'inserimento in orbita, l'atterraggio e l'avvio di un rover in una sola missione. Il nome Tianwen significa "domande al cielo", preso dal nome di una poesia di Qu Yuan (del 340–278 A.C.), uno dei più grandi poeti dell'antica Cina.
La navicella spaziale è stata lanciata presso il Wenchang Satellite Launch Center sull'isola di Hainan ed inviata direttamente nell'orbita di trasferimento Terra-Marte usando il razzi denominato Lunga Marcia 5. La sonda Tianwen-1, con una massa (incluso il carburante) di circa 5 tonnellate, comprende un orbiter e un lander/rover composito. L'orbiter fornirà un collegamento di comunicazione con il rover mentre eseguirà le proprie osservazioni scientifiche per un intero anno marziano. L'orbita durante la fase di osservazione scientifica sarà un'orbita ellittica polare (265 km × 12.000 km). Il lander/rover eseguirà un atterraggio morbido sulla superficie marziana circa 2-3 mesi dopo l'arrivo del veicolo spaziale, nel sito di atterraggio candidato della Utopia Planitia. Il rover a energia solare da 240 kg è quasi il doppio della massa dei rover lunari cinesi Yutu e dovrebbe restare operativo per circa 90 giorni marziani.
Il compito principale di Tianwen-1 è quello di eseguire un'indagine globale e completa sull'intero pianeta usando l'orbiter, e di inviare il rover in aree di superficie di interessi scientifici per condurre indagini dettagliate con elevata precisione e risoluzione. In particolare, gli obiettivi scientifici di Tianwen-1 includono:

- mappatura della morfologia e della struttura geologica
- studio delle caratteristiche del suolo superficiale e la distribuzione di acqua e ghiaccio
- analisi della composizione del materiale superficiale
- misurazione della ionosfera e delle caratteristiche del clima e dell'ambiente marziano in superficie
- analisi dei campi fisici (elettromagnetici, gravitazionali) e la struttura interna di Marte.

Ci sono 13 carichi scientifici totali nella missione Tianwen-1. I sette strumenti a bordo dell'orbiter comprendono due telecamere, il radar di esplorazione del sottosuolo dall'orbita di Marte, lo spettrometro di mineralogia, il magnetometro, l'analizzatore di particelle neutre e di ioni e l'analizzatore di particelle di energia. I sei strumenti installati sul rover comprendono la telecamera multispettrale, la Terrain Camera, il radar di esplorazione del sottosuolo Mars-Rover, il rilevatore di composizione della superficie, il rivelatore di campo magnetico e il monitor meteorologico.

Tianwen-1 si inserirà in orbita, atterrerà e rilascerà un rover al primo tentativo, e coordinerà le osservazioni con l'orbiter. Nessuna missione planetaria è mai stata implementata in questo modo. In caso di successo, significherebbe un importante progresso tecnico. Scientificamente, Tianwen-1 è la missione più completa per indagare la morfologia, la geologia, la mineralogia, l'ambiente spaziale e la distribuzione del suolo e del ghiaccio d'acqua di Marte. Si prevede che la sonda Tianwen-1 raggiungerà Marte intorno al febbraio 2021 e la fase di osservazione scientifica inizierà nell'aprile 2021. Oltre a Tianwen-1, il rover Mars 2020 Perseverance della NASA e l' orbiter Hope Mars degli Emirati Arabi Uniti saranno in viaggio verso Marte. La comunità internazionale della scienza planetaria attende con impazienza queste entusiasmanti missioni, che sicuramente faranno avanzare la nostra conoscenza di Marte a un livello senza precedenti.

fonti: Nature Astronomy

Dello stesso argomento
  • DragonFly: cinque motivi per esplorare Titano
    26 febbraio 2020
    La NASA è al lavoro per realizzare il drone volante DragonFly che esplorerà la superficie di Titano. Scopriamo i motivi per i quali una missione sulla luna di Saturno è diventata uno degli obiettivi più allettanti per la ricerca spaziale.
  • Juno: arrivano i primi dati scientifici di acqua su Giove
    19 febbraio 2020
    La missione Juno della NASA ha fornito i suoi primi risultati scientifici sulla quantità di acqua nell'atmosfera di Giove, i primi nuovi dati a giungere a noi dopo le rilevazioni della sonda Galileo nel 1995.
  • Curiosity: trovati indizi di antico ghiaccio marziano sepolto nelle rocce
    25 maggio 2020
    Studiando gli elementi chimici presenti oggi su Marte, inclusi carbonio e ossigeno, gli scienziati possono ricostruire la storia di un pianeta che una volta aveva le condizioni necessarie per sostenere la vita. Utilizzando il rover Curiosity della NASA, gli scienziati hanno trovato prove dell'esistenza di laghi di lunga durata e hanno anche scavato trovando composti organici e elementi chimici della vita.
  • JAXA: la Martian Moons eXplorations entra nella fase di sviluppo
    24 febbraio 2020
    L'agenzia spaziale giapponese ha approvato la fase di sviluppo di una missione per recuperare un campione dalla luna marziana Phobos con ritorno sulla Terra il cui lancio è previsto nel 2024.
  • New Horizons: dopo 5 anni ecco cosa sappiamo di Plutone
    16 luglio 2020
    Il 14 Luglio del 2015 la sonda spaziale New Horizons sorvolava per la prima volta nella storia dell'umanità Plutone, l'ultimo "pianeta" del Sistema Solare che ancora non era stato visitato. A cinque anni di distanza ecco le 10 scoperte più importanti che sono state fatte su questo mondo così lontano.