Deep Space Network IT

HOPE: la prima missione degli Emirati Arabi su Marte è pronta al lancio

14 luglio 2020
Alle 22:51 ora italiana partirà dal Tanegashima Space Center della JAXA la sonda Hope, la prima missione spaziale degli Emirati Arabi Uniti su Marte. Il suo arrivo sul Pianeta Rosso è previsto per il Febbraio 2021 e una volta in orbita ne studierà l'atmosfera per i successivi due anni. I dati raccolti permetteranno di creare un modello olistico dell'atmosfera marziana e serviranno per studiare i motivi che hanno portato alla riduzione del suo spessore ad un livello tale da non permettere all'acqua di esistere allo stato liquido.

La Emirates Mars Mission (EMM) è la prima missione degli Emirati Arabi Uniti (Emirati Arabi Uniti) su Marte. EMM è progettato per orbitare attorno a Marte e studiare le dinamiche dell'atmosfera marziana su scala globale e su tempi sia diurni che stagionali. Utilizzando tre strumenti scientifici a bordo del veicolo spaziale, EMM fornirà una serie di misure fondamentali per una migliore comprensione della circolazione e del tempo atmosferico nell'atmosfera inferiore e media marziana. Combinando tali dati con il monitoraggio degli strati superiori dell'atmosfera, le misurazioni EMM riveleranno i meccanismi alla base del trasporto verso l'alto di energia e particelle e la conseguente fuga delle particelle atmosferiche dalla gravità di Marte.

Uno sforzo globale

Il gruppo consultivo Mars Exploration Program (MEPAG) è un forum centrale attraverso il quale viene raggiunto il consenso tra la comunità scientifica internazionale sugli obiettivi scientifici e le indagini che dovrebbero essere perseguiti al fine di promuovere la conoscenza dell'umanità su Marte. Il documento sugli obiettivi del MEPAG del 2020 delinea quattro obiettivi primari: I) Determinare se Marte abbia mai sostenuto la vita, o ancora supporti, la vita, II) Comprendere i processi e la storia del clima su Marte, III) Comprendere l'origine e l'evoluzione di Marte come sistema geologico e IV) Prepararsi all'esplorazione umana. Ognuno di questi obiettivi di alto livello viene trasmesso a una serie di obiettivi, ciascuno dei quali viene a sua volta trasferito a uno o più obiettivi secondari e indagini raccomandate.
Gli obiettivi scientifici e le indagini EMM sono principalmente rilevanti per MEPAG Obiettivo II: comprendere i processi e la storia del clima su Marte. Nello specifico, studiando contemporaneamente l'atmosfera inferiore e quella superiore, tutte e quattro le indagini EMM affrontano l'obiettivo IIEP di MEPAG: "Caratterizzare lo stato e i processi di controllo del clima attuale di Marte sotto l'attuale configurazione orbitale".

L'obiettivo della missione

L'obiettivo che la missione si pone è di realizzare la prima mappatura completa dell'atmosfera marziana e dei suoi modelli climatici, nello specifico:

1 - comprendere le dinamiche climatiche e la mappa meteorologica globale attraverso la caratterizzazione della bassa atmosfera di Marte
2 - spiegare come il tempo cambia la fuga di idrogeno e ossigeno attraverso la correlazione delle condizioni dell'atmosfera inferiore con l'atmosfera superiore
3 - comprendere la struttura e la variabilità dell'idrogeno e dell'ossigeno nell'atmosfera superiore, oltre a identificare il motivo per cui Marte li sta perdendo nello spazio.

Il lancio è previsto alle 22:51 di oggi, ora italiana, e la sonda Hope verrà lanciata nello spazio dal Tanegashima Space Center in Giappone a bordo di un razzo H2A202, che fa parte della famiglia di veicoli di lancio H-IIA. Il veicolo di lancio H-IIA è un razzo ad alte prestazioni sviluppato e gestito da Mitsubishi Heavy Industries. La Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) si occuperà della sicurezza del volo, della sicurezza del trasporto e della struttura del sito di lancio.
E' possibile seguire in diretta le fasi di lancio dal sito della missione all'indirizzo https://www.emiratesmarsmission.ae/live/.

fonti: UAE

Dello stesso argomento
  • Tianwen-1: partita la prima missione della Cina su Marte
    23 luglio 2020
    Il lancio della sonda Tianwen-1 diretta verso Marte è avvenuto con successo alle 6:00 di questa mattina(ora italiana) Scopriamo qualche dettaglio in più grazie all'articolo pubblicato su Nature Astronomy del capo scienziato della missione e del suo team con una panoramica incentrata sugli obiettivi scientifici e sulla strumentazione della prima missione cinese su Marte.
  • 6 tecnologie che la NASA sta sviluppando per inviare uomini su Marte
    21 luglio 2020
    Marte è il prossimo passo per l'esplorazione dello spazio che già potrebbe essere raggiunto nei prossimi anni '30. La NASA ha già iniziato lo sviluppo di tecnologie fondamentali per consentire l'esplorazione che saranno messe a punto nei prossimi anni durante le missioni lunari Artemis.
  • Curiosity: trovati indizi di antico ghiaccio marziano sepolto nelle rocce
    25 maggio 2020
    Studiando gli elementi chimici presenti oggi su Marte, inclusi carbonio e ossigeno, gli scienziati possono ricostruire la storia di un pianeta che una volta aveva le condizioni necessarie per sostenere la vita. Utilizzando il rover Curiosity della NASA, gli scienziati hanno trovato prove dell'esistenza di laghi di lunga durata e hanno anche scavato trovando composti organici e elementi chimici della vita.
  • MAVEN: mappate le correnti elettriche intorno al pianeta
    28 maggio 2020
    Cinque anni dopo l' entrata in orbita attorno a Marte del veicolo spaziale MAVEN della NASA, i dati della missione hanno portato alla creazione di una mappa dei sistemi di corrente elettrica nell'atmosfera marziana. Queste correnti svolgono un ruolo fondamentale nella perdita atmosferica che ha trasformato Marte da un mondo che avrebbe potuto sostenere la vita a un deserto inospitale.
  • JAXA: la Martian Moons eXplorations entra nella fase di sviluppo
    24 febbraio 2020
    L'agenzia spaziale giapponese ha approvato la fase di sviluppo di una missione per recuperare un campione dalla luna marziana Phobos con ritorno sulla Terra il cui lancio è previsto nel 2024.