Deep Space Network IT

Mars 2020: la scelta delle rocce da riportare sulla Terra

06 aprile 2020
Se fosse possibile riportare qualcosa da Marte sulla Terra, cosa sceglieresti? Questa domanda è divenuta realtà: l'ESA ha aperto una chiamata per cercare scienziati da inviare a un team della NASA che lavora per determinare quali campioni marziani dovrebbero essere raccolti e archiviati dal rover Perseverance che sarà lanciato in estate.

Perseverance è una missione autonoma che cerca segni di condizioni di abitabilità sul pianeta Marte, ma fa anche parte della campagna internazionale di campionamento che gli Stati membri dell'ESA hanno concordato di finanziare lo scorso anno durante la conferenza Space19+. Viaggiare per oltre 53 milioni di km su Marte, atterrare, raccogliere campioni e lanciare un veicolo per tornare sulla Terra non ha precedenti: questa campagna durerà un decennio e coinvolgerà quattro lanci, tra cui tre dalla Terra e il primo lancio eseguito da un altro pianeta.
Quando Perseverance sbarcherà su Marte, esplorerà l'area adiacente per oltre un anno. Uno dei suoi compiti principali sarà quello di raccogliere campioni in cilindri metallici delle dimensioni di un sigaro che disporrà sulla superficie per un ritiro che sarà effettuato in un secondo momento. Nell'ambito di questa collaborazione internazionale, l'ESA prevede di fornire un sofisticato rover da recupero da utilizzare durante la missione Sample Retrieval Lander della NASA che avverrà a metà del decennio. Il rover dell'ESA raccoglierà i campioni raccolti da Perseverance e li riporterà al lander, dove saranno accuratamente conservati in un Mars Ascent Vehicle (MAV). Il MAV lancerà il contenitore del campione dalla superficie marziana, posizionandolo in orbita attorno a Marte.
Un altro importante contributo dell'ESA sarà il veicolo spaziale più grande e robusto che volerà su Marte: l'Earth Return Orbiter che si incontrerà con il campione e lo porterà sulla Terra.
Sebbene l'intera campagna sia nella fase iniziale del progetto è necessario selezionare adesso esperti scientifici in modo che possano iniziare un percorso formativo e operare a fianco del team scientifico di Perseverance per migliorare il valore dei campioni che verranno raccolti. Gli scienziati selezionati dovranno inoltre anticipare le esigenze dei futuri investigatori che potrebbero analizzare questi campioni per una gamma molto diversificata di studi sulla Terra. Per questo sono incoraggiate le partecipazioni di esperti al di fuori del campo spaziale: vi è bisogno di geologi sul campo ed esperti di laboratorio che sappiano selezionare i campioni migliori in base alle informazioni provenienti dagli strumenti di Perseverance. Gli esperti selezionati riceveranno una formazione per far parte del team internazionale di geologi marziani lavorando a distanza.
Studiare campioni di Marte sulla Terra consentirà agli scienziati di usare strumenti più potenti rispetto a ciò che può essere inviato tramite missioni robotiche. La possibilità di apprendere e condividere risorse, incluso l'invio di campioni ai migliori laboratori di tutto il mondo, offre incredibili opportunità per nuove scoperte. I campioni potranno essere analizzati più e più volte, consentendo di estrarre nuove informazioni - proprio come avvenuto con i campioni lunari portati sulla Terra negli anni '60 e '70 che continuano a svelare nuove scoperte ancora ai giorni nostri.
Ci sono molte ragioni per studiare Marte, ma una delle più urgenti è che, mentre la vita è nata e si è evoluta sulla Terra, non sappiamo ancora se la vita abbia avuto una possibilità di sviluppo su Marte. Gli scienziati planetari possono studiare rocce, sedimenti e terreni alla ricerca di indizi per scoprire la storia geologica e potenzialmente biologica di Marte. Quindi, confrontando questi risultati con la Terra, potremo saperne di più anche del nostro pianeta.

fonti: ESA

Dello stesso argomento
  • Ingenuity, il primo elicottero su Marte
    24 giugno 2020
    Il piccolo velivolo cercherà di dimostrare che il volo motorizzato e controllato è possibile su un altro pianeta. Ma il solo trasportarlo sulla superficie di Marte richiederà molta ingegnosità.
  • Perseverance: tutto pronto per il lancio
    18 giugno 2020
    La superficie del Pianeta Rosso è stata visitata sinora da otto veicoli spaziali della NASA. Il rover Perseverance sarà il nono e il primo che includerà una raccolta campioni di Marte per un futuro ritorno sulla Terra.
  • Mars 2020: Ingenuity, l'elicottero che verrà caricato a bordo di Perseverance
    06 maggio 2020
    Durante le ultime fasi di preparazione al lancio del rover Perseverance nella finestra che si aprirà tra luglio e agosto, è stato caricato a bordo un elicottero che inizierà ad operare circa dopo due mesi e mezzo dall'atterraggio.
  • Curiosity: trovati indizi di antico ghiaccio marziano sepolto nelle rocce
    25 maggio 2020
    Studiando gli elementi chimici presenti oggi su Marte, inclusi carbonio e ossigeno, gli scienziati possono ricostruire la storia di un pianeta che una volta aveva le condizioni necessarie per sostenere la vita. Utilizzando il rover Curiosity della NASA, gli scienziati hanno trovato prove dell'esistenza di laghi di lunga durata e hanno anche scavato trovando composti organici e elementi chimici della vita.
  • JAXA: la Martian Moons eXplorations entra nella fase di sviluppo
    24 febbraio 2020
    L'agenzia spaziale giapponese ha approvato la fase di sviluppo di una missione per recuperare un campione dalla luna marziana Phobos con ritorno sulla Terra il cui lancio è previsto nel 2024.